Come cambia il lavoro

Insicurezza diffusa e rappresentanza difficile

a cura di Mimmo Carrieri e Cesare Damiano

prefazione di Emilio Gabaglio

L’indagine sul lavoro che cambia, promossa nel 2009 dal Partito Democratico, contiene una fotografia aggiornata dei problemi e delle domande dei lavoratori italiani, descritti all’interno della più grave crisi economica dal dopoguerra. Sulla scia della ricerca pubblicata nel 2005 vengono confermate le linee di fondo delle trasformazioni indotte nel nostro paese dal postfordismo. Il ritratto che viene offerto è realistico e chiaroscurale: aiuta a capire come introno al lavoro si concentri una parte significativa dei capitalismi contemporanei.

leggi la recensione di Bruno Ugolini

89 Risposte

  1. E’ vero che il mondo del lavoro cambia, ma è anche vero che mettere in discussione i 40 anni di lavoro è un’assurdità. Vuol dire penalizzare chi ha incominciato a lavorare da giovane,,,senza evadere…. sempre versando i contributi e …poi per avere il timore di non poter andare in pensione dopo 40 anni di lavoro. Dobbiamo capire che la vera emergenza è il sommerso, è l’evasione fiscale…grande e piccola; e poi perchè tanto discutere sulla patrimoniale…..mettiamola ma a TUTTI …….

    Grazie Dottor Damiano

  2. Sicuramente Lei personalmente ha fatto quanto era in suo potere per difendere almeno i lavoratori precoci vicini ai 40 anni di lavoro, che però sono comunque stati pesantemente ritoccati all’insù.. .
    Onestamente la manovra è iniqua e fa schifo. Toglie solo al ceto medio che lavora e che ha fatto tanti sacrifici per avere un tetto sulla testa. Grazie al governo delle banche, a Casini ed ai suoi amici Rutelli e Fini, portavoce politici della confindustria ( a cui viene solo dato, senza chiedere).
    Non c’è nulla di equo, nulla di onesto, nulla di serio……. Tra l’altro finirà per peggiorare di molto la situazione generale ingenerando altra crisi.

  3. Un secondo prima della catastrofe dice napolitano, sapendo bene di mentire,.
    Peccato che la manovra voluta dalla banche e dalla confindustria(leggi casini) che impone la patrimoniale sulla vita e l’ICI per tutti, per le banche le rendite catastali le rivaluta solo al 20 e non al 60%.
    Peccato che sempre le banche potranno mandare in prepensionamento i dipendenti in esubero per altri due anni con le vecchie regole.
    Peccato che gli alberghi ed i negozi dello stato vaticano non saranno soggetti ad ICI.
    Peccato che si sono dimenticati i miliardi (non scudati) depositati nelle banche Svizzere dei ladri di stato, dei mafiosi, dei corrotti, etc..etc..che germania e Stati uniti hanno tassato al 20% cona ccordi bilaterali.
    Peccato infine che la manovra varata appena in tempo, sia già stata totalmemnte annullatta nei suoi effetti, dalla commessa firmata dallo stato per ben 20 MILIARDI per l’acquisto di aerei da guerra.
    Peccato, peccato, peccato………..
    Allora non bastava smetterla di fare le guerre inutili in giro per il mondo, senza rovinare la vita a molta gente e distruggere una economia già molto precaria ?. Chi dovrà usare questi aerei da guerra ??

    P.S. Ora le barche fuggono dai nostri porti per raggiungere Francia e Croazia. Ma un semplice rag. fantozzi del catasto a mille euro al mese, non se ne sarebbe accorto prima che sarebbe andata così????

    guido

  4. egregio dott.damiano sono del 52 e a fine dicembre termina la mobilita’a maggio 2012 avrei raggiunto gli anni per poter conseguire la pensione e con 39 anni di contributi da gennaio saro’ senza alcun reddito e per di piu’ dovro’ pagare tutto quello che c’e’ da pagare e poi non si vive piu’ io ho proposto a tutti quelli come me di mettere su un suicidio di massa di tutti noi solo cosi’ le nostre mogli potranno avere la pensione cosa ne dice lei avalla questa idea? (e non tanto solo idea ) Ma ho fiducia in lei la prego se puo’ faccia qualcosa fermi questo massacro.Grazie enzo

  5. Evito di commentare come si sentiranno le persone che quest’anno hanno raggiunto quota 95 (60+35) e che potevano andare in pensione nel 2012 con quota 97, le quali si troverano invece ben 6 anni di lavoro in più, per prendere probabilmente meno soldi. Non commento neppure la vergognosa penalizzazione per chi arriva ai 41/42 anni. non avendo i 62 anni e si vedrà penalizzato per gli anni mancanti.
    Vorrei invece porre la sua attenzione sul passaggio al contributivo per tutti. Per alcuni anni ancora, rimarrà il sistema misto per chi ne aveva i requisiti al 1996 (18 anni di anzioanità), quindi la riduzione è meno sensibile. Ma poi succederà che, anche dopo 35 anni di lavoro e più, la pensione di vecchiaia per un salario/stipendio medio di 1500 E. (che non è poco), non su arriverà neppure ai 900 euro lordi mensili, al lordo delle tasse da pagare !!!
    Ben peggio per i lavoratori autonomi, che anche dichiarando compensi netti superiori allo stipendio di un operaio/impiegato, per l’aliquota contributiva più bassa, arriveranno al massimo, dopo una vita di lavoro a percepire una pensione minima (e senza cassa integrazione ne mobilità,etc.).
    Insomma un esercito di veri POVERI, al limite (o oltre) della dignità e certo non degni di un paese che si definisce civile.. Solo nelle famiglie in cui entrambi i coniugi ariveranno ad avere la pensione, ci sarà la possibilità di sopravviere, per gli altri, sicuramente NO.
    Tutto questo, quando sentiamo che manager di stato percepiscono stipendi da 2/3 e più milioni di euro l’anno e liquidazione da molti milioni di euro. Il tutto gestendo aziende (di stato) prossime al fallimento (vedi finmeccanica, alitalia, etc.).
    Questa sig,. Damiano è l’anticamera della rivoluzione……

    Guido B.

  6. MI DOMANDO PERCHE’ IL PD IN TOTO A DATO LA FIDUCIA AL
    GOVERNO SENZA ALMENO FAR MODIFICARE COME DICHIARA
    DI FARE” NON SI SA’ QUANDO,” LE GIUSTE MODALITA’ DI
    USCITA DAL LAVORO PER I LAVORATORI PRECOCI.
    NON SIETE OVVIAMENTE CREDIBILI COME PARTITO DEI
    LAVORATORI.
    GRADIREI UNA RISPOSTA,GRAZIE.
    DISTINTI SALUTI.

  7. Io a suicidarmi per far contento monti fornero marcegaglia e mastropasqua non ci penso proprio. Propongo invece RIVOLUZIONE con i forconi e bastoni tutti a Roma

  8. caro cesare sono un esondato delle poste italiani il 02 01 2012 compio 60 anni con 38 anni di contributi a fine anno andavo in pensione ora come faccio a campare senza lavoro e senza pensione noi in questa situazione siamo 5000 cosa facciamo la rivoluzione io sono un elettore del PD da sempre non deludete questi lavoratori cordiali saluti PRESTIGIACOMO FEDERICO FEDE52@ALICE.IT

  9. Parole, parole, parole, soltanto parole, parole tra noi! sembra la canzone di Mina, e i fatti? vogliamo vedere i fatti! al tavolo delle trattative sul lavoro riprenderemo l’argomento non chiuso dei 40 anni e dei lavoratori precoci, stiamo a vedere cosa sapete fare dopo di che addio partito PD, ma chi ti vota più! ci hai delusi, ci hai traditi, ci hai dimenticati e noi NON DIMENTICHEREMO! alle prossime elezioni.

  10. Scrivo a nome di mio marito e di alcuni amici che internet non lo usano, sono lavoratori quasi arrivati alla pensione e costretti dalla riforma Monti ad abbassare la testa e proseguire solo perchè colpevoli di essere troppo giovani per la pensione. Questa manovra non è per niente equa e vuoi del PD non avete fatto quasi niente per contrastata, ma voi da che parte state? molti lavoratori ormai se lo chiedono, Ascoltate i lavoratori GIU’ LE MANI DALLE PENSIONI – NOI PIU’ DI 40 ANNI NON LI FACCIAMO ultima cosa consigliamo vivamente il suo partito di leggere le frasi di Berlinguer :

    Noi siamo convinti che il mondo, anche questo terribile, intricato mondo di oggi può essere conosciuto, interpretato, trasformato, e messo al servizio dell’uomo, del suo benessere, della sua felicità. La lotta per questo obiettivo è una prova che può riempire degnamente una vita .Enrico Berlinguer

    La questione morale esiste da tempo, ma ormai essa è diventata la questione politica prima ed essenziale perché dalla sua soluzione dipende la ripresa di fiducia nelle istituzioni, la effettiva governabilità del paese e la tenuta del regime democratico .Enrico Berlinguer

    Il rispetto delle alleanze non significa che l’Italia debba tenere il capo chino. Enrico Berlinguer

    Pensiamo che il tipo di sviluppo economico e sociale capitalistico sia causa di gravi distorsioni, di immensi costi e disparità sociali, di enormi sprechi di ricchezza. Enrico Berlinguer

    Siamo sull’orlo del baratro a causa dell’illegalità, dell’arroganza e della prepotenza. Forse è il caso di tornare all’onestà, all’umiltà e all’umanità di uomini come Enrico Berlinguer e Sandro Pertini.

  11. Tutta questa attesa e tutte le parole a destra e sinistra per questi emendamenti ma vergognatevi!!!!!!!! non chiedete di togliere neanche un mese ma andate a fan c..o !!!!!!!

  12. Ragazzi non c’è speranza noi qui continuiamo a scrivere come persone civili e a protestare verbalmente perchè si sono fregati le nostre pensioni di anzianità , i nostri soldi e la nostra dignità .
    Loro invece , i politici , continuano a godere di privilegi , collusioni e di tutto e di più .
    In realtà nessuno da ascolto a chi protesta civilmente , sentono a malapena chi fà casino e rompe tutto !!!!!!
    Secondo loro la gente non và più a votare perchè và al mare e non perchè non si fida più di una categoria che fà solo danni e che sarebbe meglio pagare si ma per restare a casa.
    Non capisco una cosa, ci sono un sacco di categorie che sono tutelate da qualcuno , anche i delinquenti hanno qualcuno che li difende e questo paese è pieno di esempi di questo tipo !
    Ma il cittadino normale , che lavora , ed è il motore di questa società
    chi lo difende?
    Tanto per farvi montare ancora un pò la carogna andate a vedere cosa è riservato ai dipendenti di camera e senato!
    Per loro non conta un cazzo la manovra!!!!
    Fatelo girare che in giro si sappia!!!!!
    http://triskel182.wordpress.com/2011/12/09/riforma-pensioni-non-per-dipendenti-camera-senato-quirinale-e-corte-costituzionale-eduardo-di-blasi/

  13. Sono un esodato della Banca Popolare di Milano nel Fonso fino al 31/12/2011 e dal 1/1/2012 dovevo andare in pensione. Ora L’Inps mi risponde che la mia domanda è stata respinta pertanto sono senza assegno e senza pensione fino al 1/10/2012 cosa devo fare?
    Fiducioso in un suo contributo alla risoluzione dl problema porgo cordiali saluti.
    Giovanni Guarracino

  14. SIETE PEGGIO DI BERLUSCONI HO VOTATO PER TANTI ANNI P.D LAVORO DA QUANDO AVEVO 14 ANNI E OGGI MI FATE VOMITARE

  15. VOI DEL PD EX MIO PARTITO MI FATE SCHIFO LAVORO DA QUANDO AVEVO 14 ANNI ANDATE FARE IN C.PORCI

  16. LE RICORDO CHE I LAVORATORI PRECOCI SONO QUELLI
    CHE ANNO INIZIATO IL LAVORO A 14/15/16 /17 ANNI
    NON DOPO LA MAGGIORE ETA’ , SPERAVO CHE IL PARTITO

  17. LE RICORDO, PERCHE’ FORSE IL PARTITO DEI LAVORATORI
    NON NE E’ A CONOSCENZA, CHE I LAVORATORI PRECOCI
    SONO QUELLI CHE ANNO INIZATO A LAVORARE A 15/16/17
    ANNI, NON NELLA MAGGIORE ETA’.
    PREGASI CORTESEMENTE RIVEDERE ULTIMA MODIFICA
    FORNERO,GRAZIE.
    DISTINTI SALUTI.

  18. Egregio dott. Damiano mi chiamo Iennaco Tobia Le scrivo dalla provincia di Napoli, stamattina ho letto
    con estremo interesse la proposta del PD di inserire un sussidio di cittadinanza, con estrema franchezza penso che alle
    volte Voi politici non siete a conoscenza di quello che avviene nella vita quotidiana oppure volete semplicemente
    prendere in giro le persone.
    Le spiego quello che in regione Campania è accaduto nel 2011 a noi lavoratori fuoriusciti siamo circa 9000 (novemila)
    dal mercato del lavoro per crisi aziendali e fino al 30/06/2011 avevamo il sussidio di mobilità in deroga con la possibilità
    di ricevere anche gli anf dall’inps oltre a pochi spiccioli di sussidio che ci davano la possibilità di poter tirare avanti.
    Bene ad aprile 2011 l’accordo conferenza stato regioni ha di fatto licenziato tutti i poveri cristi che hanno usufruito
    degli ammortizzatori in deroga per più di due anni, togliendoci da subito l’ammortizzatore senza crearsi minimamente
    il problema di quante persone padri-madri-figli potessero andare in povertà, ecco basterebbe che quell’accordo
    stato regioni fosse rivisto per dare a noi la possibilità di continuare a sperare nel futuro erogandoci di nuovo il sussidio,
    vede segretario questo è un problema serio riguarda tutte le regioni italiane spero che vogliate informarVi nelle sedi
    opportune di quanto Vi ho riferito e dare risposte concrete sollecitando questo governo ad intervenire, sono queste
    le cose concrete di cui noi sfortunati ex lavoratori cittadini abbiamo bisogno.

    Spero vorrà darmi risposta di quanto esposto sopra approfitto dell’occasione per porgerLe cordiali saluti.

  19. Ho lavorato 25 anni in un impianto chimico, spero la Fornero sappia cos’è il mio lavoro ed i danni che produce; ora mi ritrovo ad avere 56 anni e 31 anni di contribuzzione ed in cig da 6 anni e solo Dio sa quando e se mi faranno ritornare al mio lavoro. In un solo giorno non si può cambiare una vita. Nell’ipotesi più nefasta, infine si andrà al voto nel 2013 e voglio proprio sentire cosa il PD racconterà ai lavoratori.

  20. Egregio Onorevole
    le sottopongo una domanda che ne l INPS ne patronati di tutti i tipi mi hanno saputo rispondere ora provo con lei.
    sono nato nel giugno del 1958 e ho iniziato ha lavorare nel novembre del 1977.
    dal gennaio 2003 sono stato riconosciuto invalido all 80%, anche se gia’ lo ero prima inquanto poliomielitico, ma solo allora ho deciso di sottopormi a visita perche’ ero venuto a conoscenza della legge che con tale invalidita’ si usufruiva di due mesi di contributi figurativi.
    quindi a luglio del 2011 ho 35 anni di contributi compresi quelli figurativi maturati.
    ora la legge fornero dice che occorrono 42 anni di contributi e 63 di eta’ anagrafica per poter andare in pensione.
    quindi io dovrei lavorare ancora sei anni visto che maturerei in tale periodo un’ anno di contributi figurativi, pero a quella data io avro 61 anni, e quindi grazie a tale fornero io se volessi andare in pensione con i 42 anni di contributi dovrei pagare una penalita’ del 2 %.
    io credo che questo e’ anticostuituzionale visto che la mia aspettativa di vita e’ sicuramente inferiore ad un normodotato, tant’e’ che la asl mi riconosce l’80 % di invalidita’, mi auguro che vogliate cambiare questo sopruso e mi chiedo va bene appoggiare questo governo perche’ bisogna fare sacrifici, ma non togliere la pelle a chi gia’ la data, si perche’ proprio nel mio caso e cosi, io ho contratto la poliomielite all’ eta’ di 18 mesi dopo la terza vaccinazione che e’ vero che all’ epoca non era obbligatoria, ma che comunque io tale vaccino lo presi alla asl e non in tabaccheria, comunque sta di fatto che pure se in cassazione e’ stato superato il vincolo dell’obbligatorieta, non sono mai stato risarcito grazie ad un decreto della Bindi che mise un limite per la presentazione delle domande io non ne seppi nulla e non la feci, quindi cari signori io ho gia’ dato e profumatamente, mi ritengo una vittina dello stato.
    spero tanto in un vostro intervento politico duro.
    nel caso non fossi stato chiaro e volesse contattarmi le lascio un mio recapito telefonico 340.5997995
    spero veramente in una politica giusta a servizio del popolo.

  21. Gentile Onorevole FIM-FIOM-UILM-UGL-FISMIC hanno fatto due accordi sindacali in Alenia Aermacchi,uno nel 2010 per numero 787 persone da porre in mobilità negli anni 2011-2012 e un altro accordo in data 8-11-2011 per ulteriori 747 persone da porre in cigs nel 2012 per tre anni per poi agganciarli ad altri 4 anni di mobilità con l’intento di porli in pensione. Ora come lei sa è intervenuta la nuova legge pensionistica “Monti” che fa salvi,in funzione delle risorse disponibili,solo coloro che già si trovavano in mobilità alla data del 31-12-2011.Ora sta per intervenire la nuova riforma del mercato del lavoro che non promette nulla di buono per gli over 55 . Se ci fosse la possibilità di tornare al lavoro il problema non si porrebbe ma il mercato del lavoro non prende i considerazione gli over 55 anche in presenza di esperienza e ne tanto meno i sindacati contrattano di nuovo la questione con Alenia in funzione delle modifiche intervenute. Ora non pensa che il Ministro del Lavoro dovrebbe portare a soluzione un tale problema che ha contribuito a creare e aveva promesso di risolvere se i partiti ritiravano gli emendamenti al decreto Mille proroghe . Ripeto se ci concedete il ritorno a lavoro siamo piu’ soddisfatti ma in assenza di questo sarebbe sufficiente sanare con una legge che sancisca che tutti gli accordi in materia di CIGS+MOBILITA’ precedenti al 31-12-2011 restano validi con le vecchie regole pensionistiche e con i vecchi ammortizzatori sociali

  22. tale onorevole, ma solo di nome, gli ho scritto all’indirizzo di posta della camera dove si presuppone siano stati creati per essere al servizio del cittadino, non si e’ mai degnato di rispondermi, e la mia domanda era pertinente alle sue attivita’, scommettete che se ci saranno elezioni rispondera’ anche ad un semplice saluto, e magari iniziando con caro amico.

  23. Gentile Onorevole,
    Perché nel Suo disegno di legge sul superamento del blocco delle assunzioni non si obbliga i comuni ad attingere dalle graduatorie di altri enti nella provincia di riferimento? Così facendo sarebbe più rapido esaurire dette graduatorie e procedere successivamente a nuovi concorsi.

  24. Gentile Onorevole Damiano,

    volevo sapere se l’interrogazione parlamentare presentata alla Camera da Lei e da altri Suoi colleghi relativamente alle deroghe contenute nella Legge Amato, e di fatto abrogate dalla riforma Monti/Fornero (diritto alla pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi maturati entro il 31 dicembre 1992), ha avuto un seguito da parte del Governo mediante una rettifica alla circolare INPS n. 35 del 14/3 u.s.
    La ringrazio e La saluto cordialmente.
    Andrea Mauro

  25. io diffido di tale politico, l’unico che non ha risposto alle mie diverse mail inviategli presso l’indirizzo di mail della camera dei deputati, un uomo che non mantiene contatti con il suo elettorato non merita considerazione alcuna.

  26. Lei è del Pd no? occorre ricordarlo.
    avete votato a favore del massacro dell’art 18.
    Tutti.
    Gli unici contrari appartenevano ad altri partiti, nessuno di questi era del pd.
    E ancora avete il coraggio di parlare…di farvi vedere in giro…
    Quand’è che la presidenza del vostro partito fornirà gratuitamente anti-emetici ai suoi stessi elettori per permettergli di votarvi?

  27. Cesare Damiano ma chi sei ?
    l’unico politico che non risponde a mail ti sei montato la testa

  28. caro damiano spero che la proposta dal voi presentata sulle pensioni passi. io 60 anni e 36 di contributi non c’è la faccio più a lavorare.
    Devo dire che non vi credo e ho perso tutte le speranze, perche tanto alla fine non fate mai nulla, ma solo tante parole.

  29. 58 anni dal 2011 senza lavoro, senza niente, 35 anni di contributi, data l’età e la congiuntura economica nulla si prospetta, ci diano almeno quello che abbiamo versato come contributi

  30. Una ex lavoratrice di 59 anni licenziata ad agosto 2011 in quanto il suo posto di lavoro è stato spostato a Roma ed è stata incentivata dal datore di lavoro ad accettare il licenziamento. Cosa deve fare? tale persona maturava i requisiti a febbraio 2013 al compimento dei 60 anni con la prospettiva di erogazione della pensione a marzo 2014 anche per questa ragione ha accettato il licenziamento.
    In quale categoria viene posta questo tipo di caso. L’’accordo individuale raggiunto con il datore di lavoro e firmato davanti alla DPL è considerato come “accordo individuale” viene considerato per avere la qualifica di “cessati” oppure è da considerarsi nullo?
    Esisste un paracaduto per queste persone penalizzate dalle diverse riforme precedenti alquella della Fornero e poi ammazzati dalla stessa riforma. Nel mio caso devo aspettare 5 anni prima di raggiungere i nuovi requisiti! 5 anni senza risorse! Il bello è che se crepo domani mio marito prenderà subito la reversibilità! E’ mai possibile questo! I Damiani, i sindacati ,i palamentari che communque hanno votato questa sciagurata riforma Fornero si sono posto i problema dei licenziati senza mobilità? Hanno pensato a questa categoria di “disgraziati”?
    Ringrazio se qualcuno mi puo aiutare. A tutti i parlamentari, deputati chiunque sia in grado di dare una risposta a questa categoria di ex lavoratori doppiamente penalizzati!!
    Teresa nata sfortunamente nel 1953

  31. egregio dottor damiano sono purtroppo uno dei tanti appiedati da sua eminenza ministro fornero sono andato in mobilita’ a gennaio 2008 e fine mobilita’ gennsio 2012 a maggio di quest’anno ho compiuto 60 anni con 39 di contributi l’inps mi ha detto che per 4 mesi non rientro nei miracolati e che la pensione la vedro’ forse fra 4 anni intanto senza alcun reddito come facciamo ad andare avanti ma qualcuno dice che se mi tolgo la vita mia moglie potra’ averla la pensione seppur ridotta grazie a voi tutti politici che avete in qualche modo contribuito a mettere sul lastrico tante persone come me dopo aver lavorato tutta una vita .grazie e grazie ancora a lei sig. ministro la prego se puo’ faccia sentire la sua voce che poi e’ la nostra voce lo faccia per le persone a lei piu’ care…ancora grazie

  32. Ono. Damiano
    nelle sue proposte di modifiche non ho visto niente in merito alle persone licenziate per chiusura dell’azienda e che quindi non si sono dimesse volontariamente e di conseguenza niente salvaguardia per queste persone prossime communque alla pensione e che rimarranno 5 o 6 anni senza nessun ammortizzatori che possa dare loro ossigneno finche raggiungo di nuovo i riquesiti per accedere alla pensione che si sono visto scippata dalla riforma Fornero in una sola notte! Possibile che persone come Lei non abbiano avuto un pensiero per questi “disgraziati” visto che non si possono chiamare esodati! Mi auguro vivamente che qualcosa possa cambiare e che Lei potrà darci qualche informazione in merito.

  33. sig.ministro cesare damiano siamo tutti con lei e sperando che proponga l’accesso alle vecchie regole per tutti quelli che hanno lasciato il lavoro entro il 2012 e che avranno aquisito i requisiti ante riforma .e uguali diritti per l’accesso alla pensione sia per donne che per uomini .siamo o non siamo tutti uguali? comitato tutti con cesare damiano .

  34. credo sia a questo punto giusto che cesare damiano esca allo scoperto ed è anche opportuno che dica una volta per tutte se questo ddl 5103 verrà portato in parlamento e diventerà legge. Damiani con chi stai con i pensionandi o con il pdl che questo non lo vuole !! Le elezioni poi alla fine metteranno tutti daccordo !!

  35. ………….voglio fare alcune considerazioni sugli esodati di Fornero. ci sono esodati usciti dalle aziende pubbliche con un tfr sostanzioso del tutto legittimo. Ci sono esodati dalle aziende private con un tfr sostanzioso altrettanto legittimo.Ci sono operai e impiegati di aziende pubbliche e private costretti ad uscire dalle aziende perchè licenziati dalle stesse per mancanza di lavoro e altri incentivati a farlo con c.i.g. disoccupazione, mobilità. ecc con tfr buoni e legittimi. Ebbene tra queste persone ci sono anche gli autonomi che hanno smesso di lavorare da 2 o 3 anni perche non solo non avevano lavoro ma non avevano neanche i soldi per pagari i contributi e aspettavano con trepidazione la pensione. Queste persone non hanno avuto nessun TFR e nessun ammortizzatore sociale, sono stati lasciati soli. Ebbene la Fornero quando parla di salvaguardati faccia una classifica equa e giusta senza discriminare nessuno……ma cercare di avere un occhio di riguardo per questi ultimi ………con tutto il rispetto di tutti gli “esodati” che devono rientrare tutti nel vecchio sistema pensionistico !! claudio pesaro

  36. finalmente quacuno che cerca di rimediare agli errori dell fornero
    alla quale non importa nulls degli operai fregati di quanto avevano maturato.forza damiani … era ora che qualcuno si muovesse a difendere gli operai che lavoarano e che non hanno mai truffato mentre sono stati truffati dalla fornero e berlusconi,

    forza ancora damiani .. la sinistra deve ricominciare a difendere chi veramente lavora .
    grazie

  37. giovannni, 54 anni il mio futuro l’ho perso quando l’azienda e’ fallita ,con parecchie commesse in ordine (in genere e’ il contrario) e l’imprenditore e’ svanito nel nulla,nessun interesse da parte delle istituzioni (REGIONE SICILIA) non conoscevo questo lato oscuro del paese ITALIA poiche’ ho sempre lavorato ,e devo dire poche volte mi e’ servita la tessera di FIOM-CGIL ((mi dispiace che in questi casi inps si sobbarchera’ lonere di pagare tutto il tfr. di quasi 100 inpiegati) chiaramente ho lavorato 35 anni in una azienda privata ,fiore all’occhiello della metalmeccanica in SICILIA per costruzione di AUTOCARRI , avviata mobilita’ , stupidamente ho cercato lavoro (vi assicuro che ha un costo elevato) tentativo inutile e deleterio alla mia eta’ , quando ho sentito la parola equita’ (governo MONTI) pensavo a delle soluzioni che consentissero sul serio un programma di risanamento cominciando dalle fondamenta ITALIA ,ogni giorno non facciamo altro che parlare dell’ultimo ladro POLITICO che sempre piu’ affama gli ITALIANI e non italiani (ricordo che il PD diceva che comunitari e non ci avrebbero aiutato a risanare le casse inps). personalmente credo che con tutti i ladri POLITICI DI OGNI COLORE avremo sempre peggiori situazioni, e la sua idea degli scalini sulle pensioni potrebbe essere al momento buona usando i FAS. ma la vedo anche come una trovata publicitaria.

  38. Ho letto , in questi giorni , il testo della sua proposta di variazione della legge obbrobrio di Fornero . Finalmente si tenta , con una proposta , seria , di dare una definizione ai problemi di tutta quella gente “fregata” dalla Fornero ( una che predica la flessibilità ma che è da sempre attaccata al capezzolo pubblico).E finalmente , con scalini più morbidi si da la possibilità a chi ha lavorato già una vita di andare in pensione liberando posti di lavoro per i giovani che ne hanno una disperata necessità . Forza non lasciatevi intimidire da questi tecnici non votati da nessuno .

  39. Carissimo On., io non ho mai votato per il PD, sono però di sinistra. Recentemente, a seguito della riforma pensionistica, peraltro approvata da quasi tutto il Parlamento, avevo deciso di non recarmi più alle urne. Perchè: ho 60 anni e 38 di contributi. Secondo le vecchie norme sarei andato in pensione dal 1 ottobre u.s., ma “grazie” alla nuova riforma, Fornero, io dovrò continuare a rimanere in produzione almeno altri quattro anni. A me non sembra giusto non solo lavorare altri quattro anni quando il requisito lo avevo quasi perfezionato, ma la domanda più tragica e che quando sarà possibile introdurre nel campo del lavoro mio figlio, se per primo io non posso lasciare il posto di lavoro? Oggi, grazie alla Sua (e di altri) iniziativa, se portata a compimento, penso si farebbe giustizia di un diritto leso e, probabilemntetornerei ad averer fiducia nella politica e, forse a votare per il PD.

  40. attenzione, ammesso e no concesso che si potesse far quanto richiesto ricodaste che la pensione sarebbe esclusivamente contributiva. Quindi all’incirca il 50/60 % di quanto invece spetterebbe con i conteggi normali a sistema misto pro-rata. Fatevi due conti prima di essere soddisfatti della proposta ………

  41. ……………..ragazzi avete sentito ieri l intervento alla camera in diretta sul dd 5103 di “ciccio” cazzola ex sindacalista…pensate bene del pdl ? Mentre tutti gli altri colleghi di tutti i partiti erano d accordo nell aprovazione del ddl lui il “ciccio ” nazionale con un arroganza e prepotenza berlsconiana inaudita ha detto testualmente: questo ddl è una pazzia che mette a rischio l intera riforma fornero e che almeno per approvarlo necessitanp almeno 30 miliardi di euro !! grande ciccione nazionale e tu eri un sindacalista …zingaro però !!! questo personaggio d accordo con cicchitto è stato sempre contro al ddl 5103 dalla sua nascita in commissione lavoro !! claudio pesaro

  42. …………e continuando sulla falsa riga sapete per addolcire la bocciatura della comm. bilancio ….cosa a fatto stanotte il governo..pensando per ultimo a noi esodati ? ha detto tramite il min. grilli che ci saranno per noi 100 milioni…. !! grande !! e cosa ci compra con quella cifra la frutta e la verdura per un giorno ? e sapete cosa a commentato il ciccione cazzola ? ha detto che forse 100 milioni sono pochi che non bastano !! bravo ciccione cazzola sei grande !! Tenete presente per il ddl di damiano era prevista una copertura di 5 miliardi . 100 milioni sono se non sbaglio un cinquantesimo !!! Seguo attentamente quello che succede tutti i giorni alla camera in diretta sugli esodati e come andra a finire questa storia perchè per noi è la vita . Il pd la ccgil devono fare di piu per noi, bersani deve fare di piu deve essere piu incisivo…..cazzo !!!!! ma a noi se non ci difende la sinistra che abbiamo sempre votato chi ci difende ? saluti claudio pesaro .

  43. On.Damiano
    Mi son rotto i coglioni, rivvorrei tutti i soldi che ho versato e maturati in 40 anni di contributi sempre versati. Vado a vivere gli ultimi anni in un paese civile. LADRI di colore rosso e nero. Non voterò più mi fa schifo il pensiero di aver fatto il servizio militare per questo paese bello ma di farabutti genetici. Insisto con le mie figlie laureate perchè scappino da questa galera dove pagano i soliti ma chi ci ha portato sin qui e stanno in parlamento, al senato ecc, mangiano a sbaffo e chiedono sacrifici. Ne ho piene le scatole onorevole di cosa? A 16 anni ho iniziato a lavorare in un ambiente dove dovevi stare attento con chi parlavi, seguire le varie gerarchie, dove il principale (peraltro famoso) non pteva permettersi di parlare con un operaio, dove per sbaglio gli è stata passata al telefono la segrataria di un onorevole che contava meno di lui e con la cornetta del telefono ha rotto il cristallo della scrivania per rabbia. Guai a parlare di sindacati altrimenti ti licenziavano e tutto questo ora anche se ho 57 anni lo sto pagando, altro che giovane ancora per lavorare. Quante possibilità mi son visto sfuggire per andare in pensione? Quanti anni in più sto lavorando e per avere sempre meno. Si mi state uccidendo a poco a poco. Non sento piùparlare di noi neppure da voi di sinistra. Ricordo che all’inizio ci avete assimilati agli esodati, poi ……Fate qualcosa e non dimenticateci non voglio più lavorare sto male, quanto vivrò? Massimo vent’anni ne ho versati 40 e sono entrato nel 41°. Maledetti fatevi sentire.
    Augusto da Milano

  44. ……………………….damiano quello che voglio dirti di salvaguardare i autorizzati alla contrib. volontaria che non hanno fatto nessun veramento perche consigliati dall imps e dai patronati a suo tempo . che sono disoccupati da tre anni e che hanno i requisiti nel 2012 e 2013 . (37 + 61 ) come me dimenticati . Martedi alla comm. lavoro fatti valere perche la fornero non ti regalera niente……..!! confidiamo in te ! Tieni presente che Ferrero a presentato un referendum sulla abolizione della legge fornero sulle pensioni ! ringrazio…….

  45. On. Damiano Lei ha adesso una grande responsabilità quella di aiutare gli esodati e le persone licenziate che dovevano andare in pensione nel 2013 che poi per via delle maledette fiiestre Sacconi sono slittate nel nel 2014….. Per favore Onorevole non ci delude, avevo messo tutte le mie speranze nella sua proposta – Tutti sappiano che alla Fornero sta a cuore unicamente L’Europa, ma io sono sicura che a Lei sta a cuore il destino degli italiani a cui hanno derubato i loro diritti. Ma l’Europa lo sa che con questa riforma migliaia di persone sono rimaste senza risorse che la riforma li sta affamando!”
    Onorevole insieme agli esodati non dimentichi anche i licenziati!!!!! anche loro hanno diritto di andare in pensione con le vecchie regole visto che hanno dovuto subire un licenziamento e sono rimaste senza risorse da circa un ‘anno in cui si sono esauriti i pochi risparmi che avevano e adesso se devono resistere cinque o 6 anni senza risorse questi non c’è la faranno alla faccia dellE’uropa.Queste persone sono delle morte annunciate!!! l’Italia non puo fare questo a i suoi cittadini onesti e virtuosi!
    Onorelvole Damiano ci aiuti non si lascia scappare questa occasione per fare valere i suoi e i nostri diritti a fronte di una persona che ha fino ad ora ha soltanto complicato tutto ciò che era semplice.

  46. On. Damiano
    Come già anticipato nel convegno sul lavoro svoltosi a Napoli nel mese di giugno, ti sarei grato se mi fai sapere la tua posizione per quanto riguarda il DDL 3753 fermo in parlamento ( ritardi di pagamento).Se entrasse in vigore sarebbe oro per le aziende e con molta probabilità si avrebbero meno licenziamenti dovuti ai mancati pagamenti.Suggerisco anche che gli interessi del mancato pagamento vadano al walfare.Cordiali saluti

  47. …………….on. Damiano…….ho visto oggi dalle immagini sulla tv la contestazione fatta alla fornero dalle donne che si sono ritrovate in un forum. Ebbene ho avuto la conferma di quanto il ministro del lavoro sia una donna aggressiva e di una cattiveria inaudita . Spero solo che martedi quando vi vedrete alla commiss. lavoro lei si faccia sentire e non molli di un centimetro sugli esodati !! Poi sa cosa le dico questa donna ha detto che i salvati saranno altri 10 mila quindi in tutto saranno 130 mila. Lei ci crede noi come facciamo a controllare. Questa donna potrebbe dire anche un sacco di bugie. questa donna dice 130 mila invece sono 13 mila. Chi ci dice che daccordo con l imps non dica ancora tante bugie come ha fatto con l articolo 18 . questa bdonna è una donna senz anima……….damiano stia attento e faccia passare il ddl 5103 che i soldi li trovano sa qualche parte. Ringrazio e aspettiamo fiduciosi !!! saluti claudio pesaro

  48. le generazioni degli anni 30/40 sono andate in pensione ….con i 35 anni ….se non con baby pensioni vergognose con contributi al di sotto dei 30 anni….per non parlare degli statali con meno di 20 di contributi….e tutti con il sistema retributivo!! e lavoro in nero x anni!!!!

    ora x i nati negli anni 50/60 e anche 70 dai, ci tocca lavorare 42,43,44 anni…con il sistema misto o alla peggio contributivo…..e siamo la generazione di mezzo che paga di piu’….per colpe non nostre!!

    le nuove generazioni…. i nostri figli, per intenderci…..non lavoreranno gli anni “nostri”…..perche’ tra gli anni di studio che sono cresciuti, e dunque il ritardo nell’ingresso del mondo del lavoro….se han la fortuna di trovarlo….(visto che noi ex giovani siamo invitati a restare a lungo ai nostri posti……se si resiste alle pressioni vessatorie che molte aziende applicano nei confronti di questi lavoratori…..per spingerli alla mobilita’”volontaria”)……e tra il precariato dovuto ai contratti a termine…..andranno in pensione con quella di vecchiaia….e con sempre meno soldi in tasca!!! complimenti Fornero per certe logiche decisionali… ci vuole una preparazione fuori dal comune. mario

  49. Fornero ma in che paese vive? Ma vada lei a pulire 1500 mq di pavimenti alzandosi alle 5 del mattino, senza tutele, a 3 euro all’ora, fittizziamente in regola… Si ritroverà con una mano gonfia e la schiena a pezzi allora sì che avrà un valido motivo per piangere… Chiedo a Damiano di non mollare gli esodati ma anche tutti gli altri dai 58 anni in su che hanno lavorato una vita e versato contributi per 37 anni e più. Voterò solo chi avrà nel suo programma il cambiamento di questa sciagurata e iniqua riforma, altrimenti ciao, per la prima volta nella mia vita diserterò le urne e con me tante altre donne che conosco.

  50. ……….guarda grazia che certi partiti che dicono di tutelarci ancora non l hanno fatto !! Anzi……..la riforma della VIPERA l hanno votata e ancora non stanno facendo nulla ! il politico per sua natura è una persona bugiarda e pensa solo per lui……..quindi direi intanto di andare a firmare il referendum di ferrero per abolire la riforma. Io sono stato fregato dalla “zingara” per cento giorni perche maturavo requisiti il 17 apr.2012 (61 + 37) e sarei andato per effetto della finestra il 1 nov 2013. comunque non disperiamo che noi siamo 400 mila e qualcosa succederà…….a costo di fare la rivoluzione !!! ringrazio e saluto claudio pesaro

  51. Mi chiamo Fausto Giovanni Facincani, nato il 25 luglio 1953
    desidero portare alla sua gentile att.ne la situazione di chi versa contributi volontari dei quali si fa fatica a trovare informazioni perchè ho l’impressione che siano lasciati in balia al loro destino senza difese, dalle trappole istituite per non dare loro la pensione.
    Nel mio caso ad esempio:
    – completo a dicembre del 2012 i 40 anni di contribuzione e ora ho 59 anni compiuti
    – il 29 dicembre 2007 sono stato autorizzato a versare i contributi volontari dall’Inps
    – poi da febbraio a giugno 2008 ho lavorato (5 mesi versando i relativi contributi Inps)
    – poi dal 1 luglio 2008 sto continuando fino ad ora a fare i versamenti volontari
    Purtroppo sono stato “scippato” quando nel 2008 è stata fatta una legge retroattiva impedendomi di rientrare nei 35 anni.
    Poi fino a giugno del 2012 potevo andare con i 40 anni con la finestra dei 18 mesi ma poi con l’ultima legge di luglio (non ricordo la data esatta) hanno posto il paletto che dalla data della autorizzazione ai versamenti volontari non devi aver più lavorato un giorno!
    Mentre io ho lavorato quei fatidici 5 mesi nei primi mesi del 2008.
    Ora con questa variazione ultima ne chiedono 42 anni di versamento + aspettativa di vita!
    La beffa è che per i prossimi 2 anni e + più, l’Inps continua a chiedermi un aumento anche degli importi dei versamenti volontari per poi calcolare un importo di pensione che sarà più basso
    dell’attuale!!!.
    Trovo molto ingiusto tutto questo perchè i soldi dei contributi l’Inps li ha sempre ricevuti da parte mia e anche per i 5 mesi che ho lavorato!
    Sarà possibile rivedere la clausola capestro di aver lavorato per un breve periodo durante i versamenti dei contributi volontari? Possibile che persone intelligenti che guidano il nostro paese creino una situazione così iniqua per le famiglie dopo aver lavorato e versato intensamente per ben 40 anni, mentre molti attuali pensionati non hanno versato contributi per così tanto tempo e magari da anni si godono una grossa pensione e molti con importi definiti “pensioni d’oro”?

    Mi fa piangere quando sento gli esponenti politici che dicono che non ci sono risorse: basterebbe livellare con un tetto massimo le pensioni attuali ed eliminare le spese di mezzi militari di aerei e navi da guerra e tutto ciò che ci va dietro. Pur pagando gli stipendi agli attuali militari che stiano a casa con le loro famiglie, agli italiani si libererebbero enormi risorse ad esempio per pagare le pensioni a chi ha già dato. Mi scusi dello sfogo.
    In attesa di un suo gentilissimo interessamento la saluto cordialmente.

  52. Tenuto conto della situazione nazionale dell’occupazione e delle terribili prospettive future che fanno presagire un’evoluzione della condizione di “lavoratore” come un ulteriore “privilegio” riservato a pochi; delle crisi aziendali già avanzate o prospettiche e delle numerosissime piccole e medie imprese che chiudono ogni giorno dappertutto; e delle situazioni drammatiche provocate dalla riforma Fornero (esodati, ecc.); anche allo scopo di contenere le tensioni sociali latenti e spesso emergenti; credo che bisognerebbe incominciare a costruire (e soprattutto comunicare!) un “progetto” di riforma del welfare e degli ammortizzatori sociali che possa offrire (almeno per un futuro più o meno prossimo) delle prospettive di fiducia a tutti i cittadini (reddito di cittadinanza, contratti di solidarietà obbligatori, ecc.) in modo da favorire il diffondersi di un nuovo concetto di “lavoro” come “bene comune”.

  53. Voglio dire a Damiano che altre persone come me non sono state tutelate sulla legge di stabilità per gli esodati !! autonomo , smesso di lavorare 31 genn.2010 quasi tre anni, classe 51, requisiti al 17 apr. 2012 con 37 + 61, uscita dopo 18 meso 1 nov.2013, qualche lavoretto nel frattempo ma che non supera i 5.000 euro annui. autorizzato alla prosecuz. volontaria settembre 2010 dall imps. NON HO FATTO NESSUN VERSAMENTO DI CONTRIBUTO perche consigliato a suo tempo sia dallo stesso imps che dal mio patronato cgil perche da li a poco sarei andato in pensione ! la fornero a messo questo paletto ingiusto per far fuori migliaia di persone ! chiediamo a Damiano di cancellare questo ostacolo e mandare in pensione anche noi !! rifare una discussione in commissione per questa cosa !! i nostri contributi valgono come gli altri ! Voglio ricordare che gli esodati sono 390 mila e non solo 130 mila ! vogliamo sperare almeno che con la vittoria della sinistra alle pross. elezioni venga cambiata questa legge infame !!! saluti

  54. o 57anni mi mancano sei mesi di contributi per arrivare a 40,o perso il lavoro, non sono esodato, sono disoccupato senza reddito.chi mi puo salvare da questa sfortuna? qualcuno mi può dare un consiglio grazie e ciao attuti.

  55. a settembre sono entrato nel 39°anno di contributi faccio 54 anni ad agosto 2013 quando avro’ 43 anni di contributi nel 2017-2018 ,se non mi avranno cacciato dal mondo del lavoro prima, e dopo tutti questi anni ,dovro’ subire anche la penalizzazione chissa di quanto.il mio voto lo prendera’ solo chi in campagna elettorale si buttera’ nel fuoco per cancellare questa ingiustizia che riguarda quei fessi che sono andati a lavorare a 15 anni

  56. Buongiorno, chiedo gentilmente a lei, come e se potrò andare in pensione. Ho iniziato a lavorare a 15 anni, un figlio e 25 settimane di congedo parentale, 5 di mobilità nel 1999 e poi tutti contaributi versati, ora l’azienda chiude uffici e mette in mobilità per 36 mesi, avendo supertao i 50 anni, come lavoratore precoce dovrei andare in pensione nel agosto 2016, ma sembra che la mobilità non conti per i precoci, e bisogna lasciare una penalizzazione, ma come si fa a non essere penalizzati, a 55 anni cosa vuole che si trovi.
    Può dirmi se effettivamente le cose stanno così , che congedo parentale e mobilità fino al dicembre 2015 non mi servono?

  57. Buonasera,

    sono una lavoratrice di 56 anni in mobilità ordinaria -per chiusura di un’azienda privata catanese-, da novembre 2011, e lo sarò per quattro anni, fino a novembre 2015, quando avrò maturato 37 anni di contributi, di cui più di 35 come dipendente privata e quasi 2 come lavoratrice autonoma.

    Non potendo sopravvivere senza stipendio e senza pensione dal 2015 fino al 2023, (mentre con la vecchia legge sarei potuta andare in pensione nel 2017) speravo di poter usufruire della norma prevista dall’art. 1, comma 9, della legge 243/2004, in via sperimentale fino al 31.12.2015, mantenuta in vigore dalla recente Manovra Monti, con la quale le lavoratrici possono ancora oggi, ottenere la pensione di anzianità con almeno 35 anni di anzianità contributiva ed un’età di almeno 57 anni, se lavoratrici dipendenti, e 58, se lavoratrici autonome, a condizione che optino per il calcolo della pensione secondo le regole del sistema contributivo.

    Per chi decide di utilizzare tale opzione, continua ad applicarsi la finestra mobile di decorrenza di 12/18 mesi, anche dopo il 31.12.2011.

    L’INPS ha, tra l’altro, confermato che il requisito anagrafico di 57/58 anni subirà nel 2013 l’incremento di tre mesi relativo all’adeguamento ISTAT.

    La data del 31.12.2015, secondo l’interpretazione fornita dalla circolare INPS n. 35 del 14.03.2012, dovrebbe però intendersi come termine ultimo per la liquidazione del trattamento pensionistico e non come termine entro il quale debbano essere raggiunti i requisiti anagrafico/contributivi, a prescindere dall’apertura della finestra di decorrenza.

    Con questa interpretazione, che penalizza me e le altre donne nella mia situazione, togliendo 12 -18 mesi + i 3 mesi dalla data finale del 31/12/2015, non avrei neanche la possibilità di accedere al pensionamento anticipato.

    Non rientro negli esodati, non maturerò la pensione con le vecchie regole entro il periodo della mobilità, e se questa interpretazione restrittiva dell’INPS verrà mantenuta non potrò neanche accedere alla pensione anticipata.

    Potrebbe gentilmente dirmi se oltre alla tutela degli esodati, vi state occupando anche di questi casi, in cui dalla fine della mobilità, a 59 – 60 anni si rimane senza stipendio, senza ammortizzatori, senza pensione fino ai 66-67 anni???

    Per quanto riguarda il pensionamento anticipato delle donne, potrebbe dirmi se state contestando questa interpretazione restrittiva dell’INPS?

    La ringrazio dell’attenzione e attendo un suo cortese riscontro

  58. egreggio onorevole cosa possiamo fare per far rivalutare il suo ddl sulle pensioni a 58 anni ci dia una mano abbiamo troppo di bisogno la prego almeno lei stia dalla parte dei veri lavoratori .

  59. egregio onorevole faccia come le suggerisce il cuore per noi e auguri…

  60. COMITATO QUELLI DEL 52 ! NON MOLLI ON DAMIANO.E’ STATO UN VERO COLPO DI STATO VEDERSI ALLUNGARE DI COLPO LA PENSIONE DI 6 ANNI !

  61. E’ proprio vero e’ stato una vera macelleria sociale ma quella fornero non avra’ pace ne ora ne mai. Lei se ne fottuta di tutti quelli del 52 che per pochi giorni hanno visto perdere il loro sogno di andate in pensione dopo una vita lavorativa ed ora sono anche senza alcun reddito e che natale! Basta guardarla in faccia e’ brutta racchia e nera come la sua anima ammesso che ce l’abbia.che vipera ma quel giorno verra’ anche per te e allora saranno guai. Prega Dio e Dio la aiuti….
    .

  62. NOI DEL 52 SIAMO VERAMENTE INCAZZATI ! MA LA COSA CHE CI STRAVOLGE IL CERVELLO E’ L’ANTICOSTITUZIONALE DIFFERENZA TRA I NATI DEL 52 AUTONOMI PRIVATI E PUBBLICO IMPIEGO ! CHI L’HA FATTA PASSARE QUESTA VERGOGNA CHE CONSENTE DI ANDARE IN PENSIONE A 64 ANNI SOLO QUELLE CATEGORIE ? SOLO LA FORNERO ? RAGAZZI, DIREBBE BERSANI, NON SIAMO MICA QUI A PETTINAR LE BAMBOLE ! HANNO SFRUTTATO LA DESTABILIZZAZIONE EUROPEA PER FARE IL SERVIZIETTO A QUELLI CHE HANNO LE BUSTE PAGA DICHIARATE E LIMPIDE .E HA ANCORA LA FACCIA COME IL CULO DI RICANDIDARSI ! MA QUALCHE COGLIONE CHE GLI DA IL VOTO LO TROVA SICURAMENTE…CERTAMENTE NON IL MIO.AVANTI ON DAMIANO ! IO NON MI ARRENDO !

  63. Caro On ritengo che la proposta che avevate votato in commissione (pensione dai 58 anni in su con 35 o 37 anni di contributi con appoggio di quasi tutti i schieramenti politici anche se come esperimento per 3 anni )fosse sensata e risolve il problema sia degli esodati e forse aiuta l’inserimento di qualche giovane che cominciano ad essere troppi senza lavoro e cosa si aspetta, che si ribellino o diventino chissa chi quando non avranno più l’appoggio delle proprie famiglie? Conto che da chiacchiere andrete ai fatti se vincerete queste elezioni

  64. Caro futuro nuovo Ministro del lavoro!!
    ho 57 anni e 37 anni e mezzo di contributi già versati :ho fatto 18 mesi di cgs ( per ditta in procedura concorsuale) ed ora sono in mobilità da ottobre 2012. Con la vecchia normativa mi bastavano 3 mesi di versamenti volontari e sarei andato in pensione con 40 anni di contributi a 60 anni. Adesso mi ci vorranno 3 anni di contributi volontari . Alla mia età un’altro lavoro è una chimera e sono destinato all’indigenza e a fare dei debiti per arrivare al 42 anni e 10 mesi !!
    La Fornero è stata per noi come gli scafisti che gettano in mare i negri che non sanno nuotare a 50 metri dalla riva dove muoiono affogati.!!
    Non si dimentichi di noi a me va bene il quoziente 100 anche con il contributivo ma dateci una speranza di vita e non priezioni di indigenza per far si che ci siano i soldi per fare i versamenti al fondo salva stati solo per salvare le banche greche e spagnole che sono in gran parte di proprietà tedesca.
    Non posso che votare per lei ma non si faccia incantare dalla Fornero!!

  65. speriamo che oltre all’impegno dell’on damiano il prossimo governo rinsavisca e ponga rimedio al colpo di stato del governo tecnico.adesso hanno pure la faccia come il c……di riproporsi ! A NOI NATI NEL 52 CI HANNO DISTRUTTO !

  66. Gent. On. in un articolo dell’Unità da Lei firmato insieme all’On Gnecchi ha citato la necessità del recupero delle deroghe “Amato”, alla risposta ad interrogazione dell’On Codurelli il ministro Martone ha assicurato che verrà rivista la circolare 35 che metteva il veto. Potrebbe gentilmente ricordare al vice ministro il suo impegno nei
    confronti di questa promessa.Grazie

  67. Gentile On. Damiano, io e la mia famiglia siamo stati sostenitori del Pd ed essendo un ex dipendente Fiat di Torino, quasi coetaneo, ho seguito con simpatia il suo impegno in politica. Sono rimasto deluso dalla passività dimostrata dal PD sullo smantellamento delle pensioni di anzianità, che hanno colpito anche mia moglie alle soglie della meta. E’ impiegata statale ma non in esubero, ha 61 anni e 36 di contributi compiuti nel 2012. Per pochi mesi ha subito uno slittamento di ben 6 anni (luglio 2018). Deroghe fatte per esodati (giusto) per privati (64 anni??) per statali in esubero?? hanno creato una enorme delusione e depressione che non ci fa vivere. Di questa ingiustizia enorme che distrugge famiglie intere nessuno ne parla più. E che non ne parli il PD in campagna elettorale è ancora più grave perchè a suo tempo pareva che si volesse correggere la riforma dandone una gradualità /volontarietà per quelli fregati come mia moglie. Gradirei sentire un vostro impegno per riconoscere nel PD i veri valori di stato sociale e poter dichiarare e convincere amici e conoscenti nel sostenere lei ed il partito.

  68. caro signor riggio sono anche io nella stessa situazione di sua moglie essendo nato nel 52.Lei è molto educato, ma io no ! Questo paese è marcio totalmente e irrecuperabile! preda di gente marcia e inutile che ha pure la presunzione di governare ma ritengo che ogni popolo ha il governo che si merita…un popolo sempre propenso al malaffare in ogni campo ! non credo che pochi politici di buona volonta’ possanol nostro cambiare il dna del nostro paese,l’on damiano è tra questi e gradiremmo un suo parere sui trombati del 52 .6 anni in piu’ ! un vero colpo di stato

  69. Questi pensano solo ai loro interessi altro che pensare alle pensioni e a chi per qualche giorno si e’ visto rubare la tanto sognata pensione come fanno a dormire non lo so ma questi non hanno pure loro famiglia e figli? Ma hanno un cuore e un’anima o sono solo bestie selvagge? Che Oddio possa loro perdonare tutto il male che stanno perpetrando a tutti quanti come noi

  70. Noi la voteremo ma non si dimentichi di noi del 52 …. ok?

  71. Se lo stato per essere in regola con i versamenti al fondo salva stati per tutelare le proprietà tedesche nelle banche greche e spagnole succhia dai soli noti ( chi ha beni al sole e non imboscati nelle banche italiane e straniere ), ma sopratutto da chi lavora che non puo’ andare piu’ in pensione, mi va pure bene ( poveri schiavi !!) MA CHI NON HA PIU’ IL LAVORO NON PER COLPA SUA A 57 ANNI COME FA’ AD ARRIVARE A 62 O A 63 ANNI DOVENDO POI PAGARE ANCORA PER VERSAMENTI VOLONTARI !!!
    QUESTO E’ PAUPERISMO PROGRAMMATO GETTANDO NELLA DISPERAZIONE UNA GENERAZIONE DI LAVORATORI DIPENDENTI CHE HANNO GIA’ DATO TANTO ALLA NAZIONE IN TERMINI DI TASSE E CONTRIBUTI!!
    DAMIANO SE CI SEI BATTI UN COLPO E RISPONDI !!

  72. La pdl 5103 conteneva nell’articolo 1 il possibile ripristino del meccanismo delle quote per l’accesso alla pensione.
    Lo scotto da pagare era tuttavia salatissimo e cioè l’applicazione del contributivo integrale.
    Questa opzione è esistente per le donne, ma vale la pena di ricordare che l’intento del legislatore, in quel caso, era quello di agevolare una uscita anticipata per le donne in considerazione del lavoro domestico svolto in aggiunta all’attività lavorativa.
    In questi termini la scelta non poteva essere che volontaria, perchè se le aziende avessero “indotto” le lavoratrici a uscire dal lavoro usufruendo della norma in questione, sarebbero incorse in una discriminazione di genere.
    Pochissime lavoratrici sono in condizione di poter accettare una decurtazione della pensione che può arrivare quasi al 50%.
    Non è un caso che parlando con la sindacalista Vera La Monica dell’art. 1 della pdl 5103 e del “privilegio” esistente per le donne, lei abbia affermato che si tratta di un privilegio al quale rinuncia molto volentieri, dato il costo che impone.
    Inoltre l’art. 1 che era diventato il punto di maggiore scontro, perché avrebbe “smontato la riforma Fornero” , andava via via perdendo una chiara paternità.
    Ritengo che quanto previsto dall’art. 1 della pdl 5103 sia profondamente ingiusto e pericoloso.
    Estendendo a tutti i lavoratori l’opzione del contributivo integrale, le aziende punterebbero a liberarsi dei lavoratori, trasformando una scelta volontaria in un obbligo, e, sul piano politico, questa eventualità ripeterebbe la ricerca di una eguaglianza al ribasso che la sinistra ha troppo spesso promosso.
    In altre parole la sinistra farebbe propria la ricetta Brunetta: togliere ai padri per dare ai figli perchè la coperta è corta.
    Il lavoro dipendente, tutto, le pensioni hanno pagato il costo salatissimo dell’ingresso nell’euro con una riduzione di quasi il 50% del potere d’acquisto.
    Questo dato, che nessuno può smentire, ma tutti fanno tacciono, sarebbe stato sufficiente per non chiedere altri sacrifici, ma così non è stato e probabilmente, purtroppo, non sarà.
    Ora sento che Monti si dichiara disponibile ad aggiustamenti della riforma delle pensioni e temo che tali aggiustamenti possano rivelarsi l’ennesima fregatura per i lavoratori.
    Ho partecipato alle primarie per eleggere i candidato premier di coalizione e per la scelta dei candidati. Ho espresso voti che rappresentano una chiara indicazione per una direzione a sinistra del prossimo governo.
    Non ho alcun gradimento nei confronti di Monti e l’essere tra quelli che hanno pagato sempre tutti i conti che l’essere cittadini impone, non faccio differenza tra chi dice: “la crisi non c’é i ristoranti sono pieni” e chi dice: “è possibile e auspicabile l’invecchiamento attivo, guardate me e il Presidente della Repubblica!”
    Attenzione che la sinistra potrebbe perdere le elezioni proprio alla sua sinistra.
    Se liquidate tutto ciò come mugugno, populismo e conservatorismo….tanti auguri.

  73. Caro On. Damiano oramai siamo tutti decisi dopo piu’ di un anno di angoscia grazie alla Fornero e con il vostro appoggio sulla manovra delle pensioni vogliamo sapere con certezza cosa vuole fare il PD perche non ci basta che dite salvaguarderemo gli esodati ma vogliamo che quella riforma non deve piu essere neanche menzionata,dovete rifarla di sana pianta e ditelo prima del voto . Sapete benissimo che su questo vi giocherete l’elezioni siamo un gruppo di lavoratori che come milioni di altri lavoratori pensiamo che 40 anni di contributi devono essere il massimo . Il voto e’ vicino .

  74. Iniziate ad occuparvi dei problemi veri come lavoro ( non solo per i giovani), casa, salute.Fate proposte, ricordatevi che siete di sinistra (spesso lo dimenticate), combattete ogni forma di sfruttamento legalizzato.Non cercate sempre di mettervi d’accordo con chi non rispetta i cittadini e usa i loro soldi.
    Soprattutto non mettetevi d’accordo con chi propugna la libertà di licenziamento come una soluzione per risolvere la crisi economica e creare posti di lavoro ( non risolve niente, aumenta solo i disperati).

    A 60 anni vogliamo andare in pensione, le aziende non ci vogliono più (anche se siamo bravi ma costiamo più dei giovani). Dai 50 in poi la vita dei lavoratori nelle aziende è durissima, ricca soltanto di discriminazioni, altro che invecchiamento attivo!

    Buon lavoro e grazie per l’attenzione ( spero)

    Elisabetta

  75. Anch’io penso che dobbiate dire da subito cosa farete sulle pensioni, io ho quasi 57 anni ed ho maturato i 40 anni di contributi ottobre 2012. Se non dite nulla il mio voto non lo vedrete più e se andrò a votare perchè sono schifato, voterò Grillo anche se non ci credo ed appena me ne andrò in pensione se riesco fuggo da questo paese che avete ridotto una merda e nessuno di voi politici ha mai pagato per gli errori fatti negl’anni.

  76. quale è il programma del pd sulle pensioni ? sui dannati del 52 ?

  77. Lavoratori e Esodati fate sentire la vostra voce adesso fate pressione ai sindacati (TUTTI) PRIMA DEL VOTO a tutti i partiti devono garantirci che 40 ANNI di contributi deve essere il MASSIMO . Perche un OPERAIO che ha sempre pagato(siamo gli unici )ha il SACROSANTO DIRITTO ALLA PENSIONE invece loro vogliono farci passare per dei parassiti .

  78. Vediamo come vorranno risolvere per noi del 52 e per tutti gli altri questi nostri politici sfiduciai ( non tutti) e in tal guisa ci muoverem Con il nostro voto. Questi sono delle samguisughe forse di noi neanche se ne importano . Sai questi chi mangeranno?… Noi!

  79. Come devo vivere senza reddito. vorrei risposte!!.uscito mobilità 20 01 2012 36 anni contributi 58 anni…. uscito azienda 2007 con accordo legge 223/91 società sielte s.p.a ………..nel 2008 si poteva andare in pensione a 58 anni con35 contr. oggi 2013 con famiglia senza reddito ,disoccupato.esodato da salvaguardare? penso.(inps non ci fanno sapere niente,siamo trattati….come pezze da piedi.la pensione anche ridotta di qualche punto la devono dare a tutti gli ultra 50 senza occupazione.con requisiti minimi.

  80. Onorevole Damiano facciamo affidamento solo in lei tutti gli altri se ne fregano pensano solo al potere e ai soldi ma un giorno anche loro devono dar conto ed allora sara nno trattati con la stessa moneta. Il sottosçritto con 39 anni di contributi e a maggio 61 di eta con la mobilita terminata a gennaio 2012 quando Andro in pensione? Sono senza redditoda 12 mesi e si devono pagare anche le tasse … sapete cosa vorrei dire a monti?… be! L9 lascio

  81. Che noi scriviamo. la teoria non ci porta da nessuna parte ……..senza la pensione che fine facciamo abbiamo fatto sacrifici ………..per pagare cosa la politica ……………………………………………..Sono quell’esodato lavoratore onesto senza diritto di vivere senza reddito disoccupato con il solo diritto di crepare Grazie a lei Onorevole Damiano riusciamo almeno a sfogare qualche parola.

  82. Egregio On. Damiano, ho 58 anni e 35 di contributi, ma sono disoccupato e a questa età difficile ritrovare lavoro, ho già subito la chiusura di 2 aziende e ora non ho neanche la disoccupazione in quanto l’ultimo mio lavoro è durato 6 mesi, ho letto del ddl che Lei presentò nel 2012 in cui chiedeva la possibilità di andare in pensione con 58 e 35 di contr. fino al 2017, ha intenzione nella prossima legislatura di riproporlo o si è già dimenticato di noi?
    Le pongo anche un altro quesito, mia moglie compie 60 anni a marzo 2013 con 23 anni di contr. avrebbe dovuto andare in pensione quest’anno ma, sempre per la nostra cara ministro Fornero ci andrà
    a 67 anni, cosa mi dice?
    Come faremo noi e tanti altri come noi a vivere per i prossimi anni?
    Spero in una Sua risposta ed anche in qualche atto concreto nei prossimi mesi. Grazie!!!

  83. Sig. Damiano,perchè avete votato quella insulsa riforma delle pensioni targata fornero? 40 anni di lavoro bastano e avanzano se sono stati lavorati. Se invece si fa finta….. allora. Batti un colpo se ci sei..prima delle elezioni.

  84. Caro Damiano,
    se non sentiamo impegni chiari sulle pensioni dal pd di bersani col piffero che votiamo pd

  85. Come vedete tutti nonostante i nostri appelli nessuno del PD ancora ha mai citato che la legge Fornero va ABOLITA e se non lo fanno adesso sotto ELEZIONI figuriamoci dopo. Devono dirci prima del VOTO le loro intenzioni devono GARANTIRE che 40ANNI di LAVORO deve essere il MASSIMO perchè per noi lavoratori che abbiamo sempre pagato e che ogni volta che eravamo prossimi alla PENSIONE,arrivava una legge a DOC.per aumentarci gli anni di lavoro. Questo però valeva solo per noi (VEDI DINI AMATO ) Che hanno pensioni D’ORO per l’oro i requisiti non si potevano toccare. ON.DAMIANO per favore si faccia sentire ,ci sono MILIONI di lavoratori che stanno aspettando una sua presa di POSIZIONE Vogliamo andare a VOTARE con regole PRECISE.

  86. Questi se ne fortino di te di me e di tutti le altre migliaia come noi che dono rimasti senza reddito. Amico mio ci vuole una risposta adeguata e mandarli tutti a casa. L’onorevole Damiano? !!!!!!!! Non l’ho piu sentito ma tra il dire e il fare c’e’ di mezzo il mare …

  87. se da qui alle elezioni non mettono in programma i 40 anni massimi di contributi perderanno un mare di voti, compreso il mio che andra’ a grillo per protesta !

  88. la riforma fornero distrugge le aspettative degli italiani che, 35 anni fà, pensavano di vivere in serenità dopo una vita di sacrifici. Provi lei a fare la pendolare a 60 anni !!!. Il concetto di libertà e di democrazia si é inabissato, ma non é più semplice lasciare libera scelta dopo, ad esempio 30 anni di alvoro?. E i giovani che non lavorano perchè al loro posto ci sono i 60enni?? . Certo sono considerazioni talmente ovvie, troppo facili per cervelli intrigati!!

  89. .. ho dimenticato di dire che se il PD non inserisce CHIARAMENTE nel programma il ripristino dellìetà pensionabile a 35 e 58, anche io, come altri, non voterò!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...