Pensioni, a Monti dico: problema esodati va risolto e servono risorse

montiMonti, da Presidente del Consiglio, aveva promesso che il problema dei cosiddetti esodati sarebbe stato risolto. Le soluzioni trovate grazie alla nostra battaglia in parlamento sono state purtroppo parziali, pur salvaguardando 130 mila lavoratori con una copertura finanziaria di oltre 9 miliardi di euro. Adesso si tratterà di proseguire nella correzione per risolvere definitivamente il problema, introducendo un principio di maggior gradualità nel sistema pensionistico. Monti sa perfettamente che la riforma Fornero prevede un risparmio, da qui al 2060, di circa 350 miliardi di euro: si tratta di una cifra colossale all’interno della quale si possono ricavare le risorse per salvaguardare altri lavoratori.

Annunci

35 Risposte

  1. Inoltre gia’.. che ci rimettiamo mano…….troverei spazio per una rivisitazione completa di tutta la 5103…
    con sicuramente maggior gradualita’ di uscita in primis…ed
    estenderei anche alle lavoratrici donne…l’impiego della legge del calcolo contributivo ..di ulteriori scadenze 2017 ad esempio ..

  2. On. Damiano , Monti sa certamente del risparmio che viene fatto attingendo a piene mani dalla nostra cassa previdenziale, quello che però lui non dice – e Lei però dovrebbe sempre ricordare – lo dice chiaramente la sua (di Monti) collega Fornero rispondendo lo scorso 11 luglio ad un’interpellanza dell’on. D’Antoni : “Vorrei, però, anche sottolineare un aspetto che mi sembra sia sotteso
    alla domanda degli interroganti, e cioè il fatto che è vero che la
    riforma genera nel complesso risparmi molto cospicui, ma questi
    risparmi sono stati interamente contabilizzati a riduzione del
    disavanzo pubblico e del debito, e quindi ogni ulteriore procedimento
    di spesa necessita di un finanziamento.
    Come dice Lei, Damiano, alla riforma và data quella maggior gradualità che risolverebbe la maggior parte dei problemi. Ogni tanto si ricordi quello che diceva Lei fino a qualche mese fa’ ” magari reinroducendo il sistema delle quote “.
    A quando potremo leggere di questo sul programma elettorale del Partito ?

  3. “…Monti sa perfettamente che la riforma Fornero prevede un risparmio, da qui al 2060, di circa 350 miliardi di euro: si tratta di una cifra colossale all’interno della quale si possono ricavare le risorse per salvaguardare altri lavoratori….”

    *******************************************

    non è un risparmio.
    è un furto di stato ai danni dei lavoratori.
    ridateci le nostre pensioni a 40 anni di contribuzione.

  4. Sinceramente, a me non piace proprio per niente né il fatto che Damiano vada elemosinando certe cose a Monti, e né tanto meno il modo levigato e prudenziale in cui affronta il problema. Pensare di votare Damiano, o il PD, per poi rifinire nuovamente sotto la cappella di Mario Monti, è l’ultima cosa in assoluto che io possa immaginare.

    Innanzitutto si usa un tono troppo trionfalistico per quei 130.000 salvaguardati, quando invece ci si dovrebbe rammaricare ancora una volta di come ci siano finiti, i 400.000 esodati stimati, invischiati nella riforma delle pensioni! Ma l’uso di quel tono trionfalistico è premonitore di soluzioni che saranno poche, insufficienti, mooolto parziali, mooolto inique, ed anche mooolto schifose!
    Facciamo un esempio: avete prestato 400.000 euro ad un amico il quale, ragionevolmente, ve li avrebbe dovuti restituire entro 13 mesi. I 13 mesi son passati, e questo vostro amico, di quei soldi prestati, ve ne ha restituiti solo 130.000! Ma il punto qual’è? Il punto è che a sentirlo parlare, il vostro amico, invece di dare a vedere di essere mortificato per il fatto che, a distanza di 13 mesi, ancora vi debba 270.000 euro, si va invece vantando con tutto il mondo dei 130.000 che vi ha restituito! E quando dovesse far riferimento agli altri soldi che deve ancora restituirvi, ecco che tira in balla la moglie da convincere (il “Mario Monti” della situazione): sarebbero circostanze da stare tranquilli, quelle dipinte per l’amico cui sopra?
    Evidentemente no!
    E lo stesso dicasi per Damiano!
    Infatti, a farci caso, Damiano, per la prima volta, mischia due temi: esodati e non esodati, traslando una ipotetica soluzione immaginabile per i non esodati, anche sugli esodati! Infatti Damiano scrive, A PROPOSITO DEGLI ESODATI:
    “Adesso si tratterà di proseguire nella correzione per risolvere definitivamente il problema (IL SOGGETTO È SEMPRE “GLI ESODATI”! ndr), introducendo un principio di maggior gradualità nel sistema pensionistico.”: se l”‘italiano” non è un’opinione, Damiano sta chiaramente asserendo che la soluzione previdenziale adottata per i primi 130.000 ovvero quella dell’esonero dalla riforma delle pensioni, PER TUTTI GLI ALTRI ESODATI, NON CI SARÀ! Per tutti gli altri esodati, al massimo, Damiano propone un principio di maggiore gradualità!
    E non finisce qui!
    Non solo Damiano, quando tocca a lui, risolvere il problema degli esodati, non ci vede e non ci sente allo stesso modo come non ci vedeva e non ci sentiva la Fornero quando toccava a lei, ma si ostina, insieme a Bersani, a parlare di esodati surrettiziamente, senza darne una definizione! Anzi: evitando accuratamente di dare una definizione!

    Vi ricordate quando Damiano, ai tempi della Fornero, parlava solo di esodati, eludendo di parlare di tutta quell’altra realtà di lavoratori licenziati dopo il 31 dicembre 2011, creando così delle divisioni tra lavoratori e lavoratori? Cosa che per i non esodati, all’epoca, era fonte di preoccupazione, dispiacere e rammarico? Ebbene, se ci fate caso, oggi Damiano, con la stessa tattica, ha cambiato bandiera giocando al ribasso: pensa ad una gradualità per tutti, esodati e non esodati!
    Somiglia sempre di più alla Fornero, Damiano: non capisco dove si dovrebbe andare a ricollocare, magari nel 2015, o nel 2016, o nel 2017, un 60enne, 61enne, 62enne esodato, per lavorare ancora, invece dei 5, 6, 7 imposti dalla Bersani-Fornero, i 3, 4, 5 previsti come riduzione dallo stesso Damiano!

    Riepilogando, Damiano ha in mente, per gli esodati turlupinati da Bersani-Monti-Fornero, semplicemente una gradualità della riforma, e non, come è accaduto per i primi 130.000, un esonero dalla riforma. Inoltre, cosa che dura praticamente da sempre, Damiano continua a farcisi i gargarismi, con la parola “esodati”, ma se uno volesse confrontarsi con il concetto di esodati che sta nella testa di Damiano, non può farlo, in quanto Damiano, un definizione esaustiva di esodati, semplicemente non l’ha data mai!

    Per quanto riguarda Ingroia e RC, continuerò a considerare la possibilità di votarli fino a quando non si adegueranno alle richieste di Bersani e del PD! Ve lo ricordate, Bersani, con la spocchia, come andava dicendo? “Il PD farà così e cosà! Gli altri, si regolino!”, ebbene, io vorrei, ora, una “Rivoluzione Civile” che dica al PD, e a Bersani, la stessa cosa: “Noi faremo questo e quest’altro: gli altri, si regolino!”, che RC non si candidi in tre regioni per favorire il PD, che poi vuol dire favorire Monti e la sua agenda, che RC si senta con il PD per concordare le linee programmatiche da seguire per quelle riforme che tutti e due i partiti intenderebbero fare, a me pare già debba essere considerato un’ingerenza intollerabile del PD in RC.
    Per come la vedo io, RC faccia quello che si è proposta di fare, e gli altri, PD compreso, si regolino!

  5. Solo il fatto che Damiano tiri ancora in ballo Monti, per questioni che riguarderebbero il futuro del Paese ed il futuro del prossimo governo, la dice tutta sul fatto che “PD” vuol dire “Monti” e, anzi, “PD” vuol dire stare sotto “Monti”!

    Da questo articolo si può ricavare l’esatta proporzione tra l’agenda Monti e le correzioni che Bersani racconta in giro di voler apportare a detta agenda. All’agenda Monti il PD si genufletterà alla stesso modo nel quale Damiano, con questo articolo, si genuflette a Monti, e le correzioni che Bersani tenterà di apportare all’agenda saranno proporzionalmente come quelle proposta da Damiano per i restanti esodati: non un ‘esonero dalla riforma, ma una maggiore (maggiore di quanto?) gradualità nel sistema pensionistico.
    Una vera schifezza!

    Occhio! A quegli “non esodati” che ad una maggiore gradualità nel sistema pensionistico proposta da Damiano son portati ad attaccarcisi con tutte le loro forze: guardate che come Damiano oggi non prevede più l’esonero dalla riforma per gli esodati, con la stessa facilità domani, una volta al governo, potrà ritrattare a suo piacimento anche quella maggiore gradualità nel sistema pensionistico, facendola passare da “maggiore gradualità” a “miserrima gradualità”!
    Elettore avvisato, mezzo salvato!

  6. PER MONTI PRIMA LE BANCHE E POI GLI ESODATI, LUI E LA FORNERO SONO DUE FANTAPOLITICI LE ELEZIONI NON LE VINCERANNO SICURAMENTE, GLI ITALIANI PER COLPA LORO SONO PIU POVERI MA NON FESSI.

  7. Damiano: “Pensioni, a Monti dico: problema esodati va risolto e servono risorse”: mi scusi, Damiano, ma lei si è proposto per la lista Monti, insieme a Casini e Fini, o per quella di un PD che ci avrebbe come segretario un certo Bersani? Nel secondo caso, il titolo del suo articolo lo dovrebbe riscrivere come segue: “Pensioni, a BERSANI dico: problema esodati va risolto e servono risorse”.
    “A Bersani dico…” e non “A Monti”!
    A parte poi scambiare, per gli esodati il sacrosanto esonero spettante con un non meglio definito “principio di gradualità nel sistema pensionistico”!
    Bello fare il magnifico con la 5103, quando al governo c’erano Monti e la Fornero che non l’avrebbero fatta passare mai, vero?
    Non può riproporla comunque, la 5103, nemmeno adesso, perché è chiaro a tutti che Bersani, al governo, sempre con Monti e sotto Monti, ci vuole andare… ammesso che ce la facciano!

  8. ho 58 anni, licenziato oggi con 37 anni di contributi, sono un esodato? no. Sono un inculato Si. Mi dica il sig. Damiano cosa ci sarà per me nei prossimi anni (risparmiandomi il discorso di andare a cercare lavoro, perchè nelle aziende non mi fanno neanche entrare quando gli dico l’età)

  9. Niente voto ai traditori del PD ma solo a chi si è espresso chiaramente sulla VERGOGNOSA riforma delle pensioni, e cioè RIVOLUZIONE CIVILE!
    Dipendente pubblico ex quota 96, ex elettore PD

  10. Equità. Ora fatti non parole.

    Si sente parlare solo di esodati i quali hanno, comunque, percepito denaro dalla cassa integrazione e dalla mobilità.
    Ci sono tantissime persone che non hanno avuto questo beneficio.
    Ci sono tantissime persone che non pagano l’iscrizione al sindacato; pagano le tasse e non sono tutelate da nessuno.
    La legge monti/fornero non è equa e va cambiata immediatamente.

  11. Non ho mai sentito alcun commento da parte del Presidente Monti sul pasticcio esodati che di fatto ogni giorno crea persone senza reddito, senza pensione e senza lavoro, anzi pare che la sua prima preoccupazione in caso di conferma sia una nuova legge elettorale.
    Sono senza parole.

  12. Da giugno 2009 quando dopo 32 anni in fonderia sono stato licenziato ho sentito solo chiacchiere e solo incertezze da tutti , di lavoro in siderurgia neanche a parlarne , ora con 37 anni di contributi e 57 di età e un figlio minorenne da chi sarò tutelato???
    Nel frattempo inps continua a pagare imperterrito, vitalizi, pensioni regalate , falsi invalidi e certificazioni dubbie ecc….
    Io non vedo voglia di risolvere e sopratutto onestà nello stato italia
    Franco56

  13. Leggere o cercare sito PMI di oggi. ..e guardate che regalo alle banche con i nostri soldi e tutti tacciono e ci fanno parlare di Cazzate come l’ IMU

  14. Sono sicuro che l’ON. Damiano sa che:

    ” NON SI TROVA PIU’ LAVORO” in generale ,figuriamoci over 55, non avremmo pagato certo due e piu’ anni di volontari se avessimo potuto lavorare..
    Quindi questa ipotesi non e’ da prendere in considerazione……..
    Per risolvere la questione Non esiste pertanto altra soluzione che ripristinare le regole precedenti Fornero.
    Non dimentichiamo che aspettare 15/21 mesi per percepirla ti fa dare fondo a tutti i risparmi e per alcuni vuol dire chiedere finanziamenti……
    Quindi per i salvaguardati gia’ e’ uno sforzo grosso, per i NON salvaguardati e’ ovviamente la rovina…

  15. Basta chiacchiere da Bar dello Sport.
    In entrambe le Agende, Monti e Bersani, alla lettera “E”, voce “esodati”, c’è scritto semplicemente “E andassero a farsi fottere”!!!
    Dove sono gli impegni, i programmi nero su bianco?

  16. NON ci sono gli esodati. queste persone lo sono diventate per un assurda riforma tendente a fare cassa da subito e non a proporre con gradualità una diversa strada per la quiescienza:. Si DEVE ripristinare una scala di accesso alla pensione in modo da permettere a coloro che hanno raggiunto il traguardo dei 40 anni di contribuzione di uscire dal mondo del lavoro lasciando il dovere alle imprese di assumere giovani ( magari con salari d’ingresso) al posto di chi come me ed altri hanno lavorato ormai per piu di 41 anni. Lo si sa che generazionalmente un giovane andra in pensione con 66-67 anni di età ma l’assurdità vagliata di aumentare pure i mesi con l’aspettativa di vita e considerando un altra bella iniquità tra uomini e donne ( una con 41 e l’altro con 42 anni ma perchè??) non permette al Paese di muoversi con celerità alla ricerca di efficienza che solo i giovani possono propore con le loro giustificate motivazioni. Basta scuse ho proponete una gradualità da subito ho presunte intenzioni non troveranno partecipazione alcuna dei cittadini stufi di questa ulteriore inqualificabile riforma pensionistica .

  17. Sarebbe perfettamente inutile, per Damiano, riproporre la 5103, perché Monti non gliela lascerebbe passare.
    Damiano questo lo sa bene, per cui, di andarsele a cercare, le figuracce, preferisce comprensibilmente di evitarlo.

  18. Stimatissimo Onorevole Damiano
    ho seguito e seguo con molta attenzione la Sua encomiabile attività nei confronti, fra le altre, della incresciosa situazione
    degli esodati per risolvere la drammatica situazione di migliaia di famiglie che la inopinata Legge Fornero ha fatto piombare
    in un baratro di frustrazione e indignazione, oltre che privarle di un futuro sul quale avevano fatto progetti e piani per una vita
    serena, dopo anni e anni di lavoro .
    Con la presente sono a pregarLa di voler continuare a seguire con lo stesso impegno e determinazione l’emissione degli ulteriori
    decreti attuativi relativi a quanto previsto per noi esodati dalla Legge di Stabilità. Tempi che la Legge prevede ENTRO 60 giorni, ma che visti i tempi dei precedenti decreti, emessi con inspiegabile (o meglio spiegabile) ritardo, non lasciano ben sperare, anche in considerazione delle prossime elezioni.
    Chi Le scrive è un esodato che avrebbe dovuto ricevere la prima rata della pensione a febbraio del corrente anno.
    Sono fra i salvaguardati di quanto stabilito per noi dalla Legge di Stabilità, e questo mi conforta.
    Tuttavia la situazione economica mia e della mia famiglia (comune a tanti nella stessa situazione) sta diventando insostenibile,
    avendo, al momento della mia uscita dall’ Azienda, pianificato la spese familiari, con un certo margine, sino al raggiungimento della pensione.
    Non ho altri redditi, e dei miei due figli, una è laureata in cerca di lavoro e l’altro deve terminare gli studi.
    La ringrazio veramente sin d’ora per l’attenzione che non farà mancare per una rapida (seppur ancora parziale) soluzione di questo
    paradossale problema indegno di una società civile e democratica

    Cordiali saluti

  19. voglio vedere per tutta quella gente licenziata e senza tutele quando sarà al governo cosa farà Damiano, io penso solo chiacchiere.

  20. Gentile signor Roberto Barbon, potrei, se possibile, sapere come ha saputo che è tra i salvaguardati? Perché anch’io dovrei andare in pensione a Luglio del corrente anno e l’INPS non mi ha ancora comunicato nulla.
    Grazie mille
    Cordiali saluti
    Alba

  21. Il patto fra i lavoratori vittime delle ristrutturazioni aziendali, le aziende stesse e lo stato deve essere rispettato. Nessuna riforma può creare le condizioni per cui uno solo di questi lavoratori resti senza reddito e senza pensione.
    Detto questo, i cosiddetti esodati dovrebbero andare in pensione all’età e con il sistema di calcolo previsto dalla presente legislazione. Nel frattempo lo Stato deve prevedere specifici ammortizzatori sociali, che garantiscano a tutti, tutti quei lavoratori il reddito che si aspettavano nel sottoscrivere gli accordi con cui hanno accettato il licenziamento.
    Ovvero, se all’epoca si accedeva più giovani ad una pensione calcolata col metodo retributivo, oggi dovrebbero andarci più tardi con una pensione contributiva pro rata. Questo per due ragioni.
    1 – Evitare la disparità di trattamento previdenziale fra lavoratori con gli stessi requisiti per l’accesso alla pensione.
    2 – Evitare che la previdenza venga usata come un ammortizzatore sociale. Un fenomeno che attraverso le pensioni di anzianità ha creato i gravissimi squilibri e ingiustizie che hanno reso necessarie almeno due grandi riforme come quelle del 1992 e del 1995.
    Infatti la previdenza è una istituzione che tutela i cittadini nella vecchiaia. Invece gli ammortizzatori sociali tutelano i lavoratori nelle crisi aziendali. Sono due istituti diversi, che rispondono a logiche diverse. Confonderli fa male soprattutto alle nuove generazioni.

  22. Per tecnicismi sulle domande di salvaguardia questo e’ il sito specializzato:

    http://www.intopic.it/forum/economia/pensioni/98334/p2834/

  23. E’inutile che si continui a parlare di 130.000 lavoratori esodati salvaguardati: non è vero…. per il semplice fatto che non è ancora stata pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto legge a salvaguardia dei 55.000 (figuriamoci per tutti gli altri!!!!)
    P.S. è da ottobre che lo stiamo aspettando

  24. Visto che le rivoluzioni sono fuori moda spero tanto che ci pensi la natura a liberarci di questi magna magna che ci hanno rubato pensioni pagate per i loro privilegi e quelli dei loro amici (vitalizi e banche)!!
    Se ci speriamo in tanti magari succede davvero e con gente nuova e sopratutto giovane al governo potrà solo migliorare per tutti!!
    Franco56(esodato)

  25. Buongiorno.
    Non ho ancora avuto risposte da INPS perchè mancano i decreti attuativi per quanto previsto per gli esodati dalla legge di stabilità.
    Per quanto mi riguarda, (e sia la legge che il patronato che mi segue me lo sembrano confermare) ricado fra quelli delle uscite volontarie entro il 30 giugno 2012 (sono uscito a gennaio 2012). Se tu maturi il diritto a luglio ho paura che al momento non sei ancora salvagiuardata. Ammesso che si possa chiamare così quello che si pensava un diritto acquisito !!!!
    Fammi sapere e senti il patronato che ti segue
    Ciao

  26. Signor Barbon anche io sono ucito a gennio 2012 ma il mio patronato mi ha detto che per ora solo chi e uscito entro il 31 12 2011 e salvaguardato per fafore fammi sapere di questa legge ciao

  27. Ciao Antonio. La legge di stabilità ha ampliato ulteriormente la platea degli esodati. E’ stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale del 29 dicembre (supplemento 212/l). Dalle pagine 43 alla 47 ci sono i nuovi salvaguardati per i quali la data è stata spostata al 30 giugno 2012 o in altri casi al 30 settembre 2012.
    Prova a cercare . Se non la trovi mandami la tua mail che ti giro il tutto.
    Ciao

  28. X Roberto,
    mi sembra vada pero’ rispettato il requisito di percepimento pensione entro il 36° mese da Dicembre 2011 perche’ sia valida la salvaguardia.
    Giusto?

  29. La casistiche sono molte.
    Tu sei uscito a gennaio 2012 come accordo individuale, oppure collettivo, o altro ? ma quando dovresti percepire la prima rata della pensione ? Io a febbraio 2013 e quindi sto nei 36 mesi che sono ancora per ora un paletto fisso

  30. Esatto Roberto, e’ ancora un paletto fisso.
    Io per aver provato con un’attivita’ (per figlio disoccupato) e subito chiusa, mi sono beccato oltre i 12 mesi anche i 3 mesi dal 2013 di aspettativa vita ed i 6 da autonomo.
    Totale 21 mesi di attesa che mi portano appena fuori dal 2014…
    Con 21 mesi di attesa quanti riescono a stare nel 2014?!?
    Anziche’ premiare chi prova ad arrangiarsi nel peggior momento economico della storia……….

  31. caro signor Barbon sono andato a leggere la G.U. le pagine che mi ha indicato e cmq ho letto che salvaguardano solo chi ha preso accordi con le aziende entro il 31.12.2011. io purtroppo o firmato l”uscita il 19.1.2012. perche” gli accordi che avevo preso precedentemente erano solo verbali. se per caso hai delle notizie che mi possono aiutare ti ringrazio anticipatamente. io ho 57 anni ho fatto i 40 anni il mese di marzo 20012 sono uscito in infortunio e l”INAIL mi ha pagato i contributi fino a giugno 2012. ciao.

  32. Sig. Damiano voglio far notare che Bersani ogni giorno, fin che ha sostenuto il governo Monti cominciava tutti i discorsi con ” esodati e lavoro” , ora che siamo alla stretta finale le due parole si sono fatte rare , forse dimenticandole pensa che mezzo milione di persone piu relative famiglie abbiano risolto il problema? in chissa quale modo?
    aspetta che si presenti il suo avversario con qualche bugia???.
    Tutto questo è cominciato con tattiche del sig. Sacconi , che ora si è messo in ombra e proseguito con una “professoressa” che invece di pensare come si era proposta ai figli d’ Italia ha solo coperto le vergognose manovre dei suoi amici!!!! .
    E’ tempo di arrivare ai fatti!!! delle chiacchiere io e tanti altri siamo strastufi , cercare le scappatoie personali porterà solo a un individualismo sempre più cupo e a soluzioni incerte e non tutte legali.
    Franco56(esodato2009)

  33. x Sig. Roberto Barbon
    può gentilmente mandarmi le notizie relative alla G.U suppl 212 pa.43/47 riguardanti i nuovi salvaguardati? Vorrei sapere se posso rientrarci io che sono in mobilità in deroga, ho compiuto 60 anni ed ho 37 anni di contributi. La mia mail è annamaria.moro@libero,it
    Grazie
    anna52

  34. Per domande sulla salvaguardia questo sito specializzato raccoglie tutte le info e le modalita’ di presentazione delle domande ad INPS
    ci sono consulenti e tutti gli esodati che carteggiano da un anno con tutte le casistiche, e’ pertanto piu’ facile avere aiuti concreti .

    http://www.intopic.it/forum/economia/pensioni/98334/p2834/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...