Esodati: ok Corte dei conti a decreto è buona notizia

Esodati-in-corteo-300x225Ho appena ricevuto dal ministero del Lavoro una buona notizia su un tema per il quale il Pd ha tanto combattuto: la Corte dei Conti avrebbe finalmente registrato il decreto che salvaguarda altri 55 mila lavoratori rimasti senza reddito a causa della riforma Fornero. Siamo in attesa di una sua definitiva pubblicazione in Gazzetta ufficiale. Si tratta della seconda tranche dopo il decreto relativo ai primi 65 mila lavoratori. Adesso si dovrà predisporre il terzo decreto che riguarda gli ultimi 10 mila lavoratori. Questo risultato ci sprona per continuare la battaglia per risolvere definitivamente il problema dei cosiddetti esodati.

Annunci

41 Risposte

  1. Cesare!
    Siamo indifesi come i tuoi gatti!
    Il problema esodati a mio avviso non si puo’ risolverlo pensando ai singoli casi e centellinando soluzioni parziali.
    Occorre una soluzione strutturale tipo la 5103!

  2. Era ora!!!! Ne mancano da salvaguardare altri +200000!!!!

  3. Roma, 10 gen. “Mi spiace che nell’agenda Monti non ci
    sia la parola esodati, la stessa Fornero ha riconosciuto che c’è
    un problema e bisogna risolverlo”. Lo ha detto Pier Luigi Bersani
    a Porta a Porta
    il robot non dice nulla perche’ e’ un uomo senza anima e del sociale non gli importa nulla

  4. Caro On Damiano, riusciremo un giorno a non identificarci con il paese di Pulcinella? So che e’ banale, ma devo ricordarle che se brucia un palazzo di, esempio, 6 piani, non si puo’ continuare a dire che con viva e vibrante soddisfazione si e’ risolto il problema perche’ sono stati salvati gli abitanti dei primi due piani. La massima apertura che fino ad oggi le ho sentito dire che poi si vedra’ per gli altri. Ma lei riesce ad immaginare l’angoscia delle persone che abitano negli altri piani che non vedono nessuno che si appresti concretamente ad aiutarli. Aiuto, tra l’altro, e’ un termine improprio in quanto noi pretendiamo esclusivamente che vengano rispettati patti stabiliti ai tempi dei vari esodi, accordi ecc. Ed intanto il fuoco scalda sempre di piu’ cuori, corpi e coscienze…

  5. Dovete però dire subito come lo farete. Dopo la Caporetto della 5103 gli esodati sono diffidenti e sfiduciati. I loro voti vanno meritati e acquisiti con una volonta politica chiara e programmi definiti.Damiano dica a Bersani che cominci a parlarne in TV e sui media delle soluzioni per le pensioni di anzianità perchè finora se n’è guardato bene!

  6. Ribadisco, non ci sono solo gli esodati, ma tutti coloro che una riforma priva della minima gradualità ha fortemente penalizzato. Pensare che ci sono persone che, pur avendo maturato gli anni di contribuzione richiesti, per qualche giorno di ritardo nella data di nascita rispetto al 31/12/2011 (al limite un solo giorno) sono costretti a rimanere al lavoro anche per altri 7 (sette) anni in più. E questo viene accollato non a giovani di 30 o 40 anni, ma a persone ormai sessantenni, dopo anche 37 o 39 anni di lavoro, distruggendo progetti di vita finale ormai delineati. Chi non capisce il problema o è un sadico o un cretino. Nessun Paese civile può consentire una cosa del genere. O ve ne accorgete e mettete all’ordine del giorno anche questo problema ( GRADUALITA’ effettiva per tutti) oppure potete scordarvi il nostro appoggio.

  7. Ovviamente con la data del 31/12/2011 intendevo a data limite prevista per la maturazione dei requisiti secondo la precedente normativa e con il giorno di ritardo intendevo riferirmi a chi maturava l’anzianità anagrafica prevista dalle quote in vigore appena dopo quella data.

  8. On. Damiano, l’articolo che ha scritto, è mediocre banale e misero. Uno deve ritenersi soddisfatto quando riese ,intervenendo con giustizia sociale, a salvaguardare tutta la platea dei lavoratori rimasti coinvolti nelle varie criticità createsi dalla riforma delle pensioni, sbagliata e senza la gradualità di cui necessita, verità questa confermata anche da chi l’errore grave l’ha fatto, cioè la Fornero. On. dovete smettere di sviare sempre il vero problema, parlando sempre e solo della questione esodati, perchè è una soluzione minimale che risolve il problema di una piccola fascia di lavoratori. I mobilitati licenziati entro dicembre 2011, e che matureranno il requisito 40 , nel 2015/2016/2017/ ecc.ecc., perchè licenziati con accordi territoriali, questi hanno lo stesso diritto, perchè un lavoro non ce l’hanno più, poi cosa più grave, messi fuori dalle aziende, col consenso del sindacato, che ti diceva insistentemente di accettare l’accordo, (se per caso ti era sorto un dubbio ) perchè nella crisi almeno tu ci andavi in pensione, e l’azienda in tempi migliori poteva fare posto a un giovane assumerlo e spendere meno. ON. Damiano, e questo è solo un esempio delle varie criticità che vanno salvaguardate, dando gradualità alla vecchia riforma, almeno fino al 2018, poi far partire la nuova, magari riscrivendola meno penalizzante e con uscite libere volontarie a partire da 58/60/ anni, con incentivo progressivo per chi il lavoro ancora ce l’ha e vuole proseguire. Questa sarebbe la soluzione per tutelare tutte le criticità, e per una partenza accettabile di una nuova riforma . On, quando scriverà un articolo con questi contenuti dicendo che sono stati approvati allora potrà ritenersi soddisfatto, e allora si, lo saremo anche noi. Mi auguro succeda, per votarvi ancora !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  9. Damiano dice ” ho appena ricevuto dal min del lavoro una buona notizia” Fate vomitare siete il peggio, la buona notizia un giorno arrivera’ e sara quella che vi avra’ spazzato via tutti. Volete salvare i 55 mila poi altri 10 mila come delle mucche che vanno al mattatoio… Introdurre la 5013 almeno per quelli con 56/57 anni con 35 e piu’ anni di lavoro che possano almeno salvarsi con il contributivo e non vedere la propria vita sfasciata quando si e’ lavorato con sacrifici e onesta’ cosa a voi sconosciuta e tutto questo assieme ad una riforma delle pensioni per voi politici e revisione degli stipendi scandalosi che prendete e poi riduzione enorme delle spese militari e cancellazione delle missioni cosidette di pace ma in realta’ di guerra e tutto questo perche’ siamo in una crisi econica drammatica e non si possono uccidere quelle generazioni di figli che vi hanno portato richezza. Certo voi conosciete gli italiani ma attenzione potrebbere magari in poco tempo rivoltarsi contro se continuerete ad essere cosi’ sudici e assassini degli onesti.

  10. Bersani, sul sito del PD, sugli esodati dice così: “Il meccanismo va reso più flessibile per evitare buchi drammatici, se no rischiamo di lasciare gente che per due e tre anni non sa dove sbattere la testa”.

    CAPITO?
    OCCHIO!

    Dice: “GENTE CHE PER DUE O TRE ANNI NON SA DOVE SBATTERE LA TESTA!”… “DUE O TRE ANNI”!

    Ricordo a tutti che Bersani ha una laurea in filosofia, e che per chi mastica bene di filosofia, i concetti, e l’esprimerli ADEGUATAMENTE attraverso le parole, è l’esercizio principale in cui ci si è cimentati!
    Come un idraulico non può sbagliare nel mettere la stoppa sulla filettatura di un tubo, ed un elettricista non sbaglia quando deve collegare positivo, neutro e massa ad una presa, così Bersani, se a proposito di esodati ha parlato di DUE O TRE ANNI, intendeva dire proprio DUE O TRE ANNI!

    Quegli esodati che si ritroveranno lontani dalla pensione, a causa della riforma delle pensioni Bersani-Fornero, di quattro, cinque, sei, sette anni, per Bersani, NON saranno da salvaguardare: dovranno andarsi a cercare un altro lavoro!

    Lo ha scritto anche nell’incipit del decalogo del PD: lui, (Bersani) sta dalla parte di chi vuole rimboccarsi le maniche e darsi da fare, e di chi un lavoro se lo cerca!

    Inoltre Bersani disse, nel 2012, che non c’era Paese in Europa nel quale un lavoratore resti, a 58, 59, 60 anni, senza lavoro, senza reddito e senza pensione: ma OCCHIO! A 58, 59, 60 anni!
    Siccome questa cosa l’ha detta nel 2012, traslandola nel 2013, quei 58, 59 e 60 diventano rispettivamente 59, 60 e 61!
    Mettendo insieme questa ultima dichiarazione riportata con quella di prima, gli esodati che intende salvaguardare Bersani sono quei lavoratori licenziati che, arrivati a 59, 60, 61 anni, avrebbero, alle precedenti condizioni, percepito la pensione (e NON maturato il requisito pensionistico!) entro i due, tre anni successivi!
    Chiaro?
    57enni e 58enni, scordateci, come esodati, le attenzioni da parte di Bersani!

    Lo ha detto lui, Bersani! Mica io!
    Parole sue!

    Elettore avvisato, mezzo salvato!

    Ecco il link del PD:
    http://www.partitodemocratico.it/doc/248555/bersani-allentane-la-morsa-delle-politiche-di-austerit.htm

    Nel link si può leggere un’altra bestialità bersanesca, che lo qualifica davvero per quello che è! Dice infatti Bersani, parlando dell’IMU, che questa non andrebbe tolta sulla prima casa, ma tolta soltanto ha chi dovesse avere una prima casa grande tanto da pagarci un IMU da 500 euro, in quanto prendendo il fatto solo che sia prima casa, si toglierebbe l’IMU anche a chi dovesse averci, come prima casa, la Reggia di Caserta!

    Ebbene, il lo trovo di un gretto, un ragionamento così, da far paura! Non so in quale, dei secoli passati, qualcuno poteva ragionare avendoci dei riferimenti tanto miseri!
    Poi vogliono pure averci l’ardire di promuovere la Cultura!

    Infatti, secondo me, che uno ci abbia la Reggia di Caserta, come prima casa, non ci sarebbe nulla di male! Tassargli la Reggia di Caserta, secondo me, deve dipendere dal fatto che la Reggia di Caserta gli procuri guadagno oppure no, e non dalla grandezza della casa in sé!

    La questione vera è che non ci si è voluti prendere la briga prima, di tassare i redditi di chi poi, come prima casa, la Reggia di Caserta se la sarà pure potuta comprare!
    Non ci si è presi la briga prima, e non ce se la vuole prendere nemmeno ora: meglio tassare, e zitti!

    E il reddito? Perché mi c’è solo la Reggia di Caserta! Ci sono anche i redditi! Adeguare l’IMU al reddito?
    Adeguare l’IMU al reddito, invece no!
    Perché?
    Perché il nostro Stato sciarpellone, e corrotto, con alla testa i politici che ci abbiamo, Bersani compreso, i redditi veri delle persone, non li conosce e né li vuole conoscere!

    Per cui stabilisce, o almeno così vorrebbe Bersani, che una Reggia di Caserta vada tassata a prescindere! Senza il bisogno di sapere se chi vi abiti sia un morto di fame senza lavoro che come ricchezza ha, appunto, la sola Reggia di Caserta, o sia un evasore straricco che di quattrini ne guadagna 10 volte l’anno, equivalenti al valore della Reggia di Caserta, me sui quali di tasse non ce ne paghi nemmeno una stilla!

    Insomma, Bersani, secondo me, con questa uscita della Reggia di Caserta ha implicitamente dichiarato che sulle tasse sceglie di continuare a fare il “pecione”, quello che mette le pecette senza averci l’intenzione di voler andare a risolvere la questione come si deve ed alla radice.
    Con la ricetta di Bersani sull’IMU, sia chiaro, l’ingiustizia persisterà, e i 210 MILIARDI che non arrivano alle casse dello Stato tra evasione e corruzione, pure.

  11. Io forse la vedo anche peggio di come la intende Elson.
    Io credo che Bersani,quando parla di esodati,non sappia di cosa parli!
    E’ al livello della Bindi e Finocchiaro quando intervistate un anno fa guardavano sbigottite la telecamera non capendo le domande!
    Dimenticavo,sto parlando del Segretario,Presidente e pezzi grossi del partito!
    E’ veramente dura!
    Mi sto spostando verso il pessimismo!

  12. Io sto con giovanni2: Bersani parla di esodati solo per l’occasione: la campagna elettorale. Con questo non voglio dire che a Bersani gli esodati non interessino in assoluto: voglio dire, invece, che a Bersani gli esodati interessano nella misura in cui li giudica tali! E qui sta il bello!
    Anche la Fornero ci teneva, a tutelare gli esodati, ma chi erano, gli esodati, per la Fornero? Quelli licenziati entro il 4 dicembre 2011, che, alle precedenti condizioni, sarebbero andati, in pensione entro i 24 mesi successivi (se non ricordo male!), e che potevano vantare accordi governativi. Quali mai saranno, allora, gli esodati che Bersani intenderebbe salvaguardare?
    Non si sa.
    Ha mai dato, Bersani, una definizione di esodati?
    No.
    Perché, no?
    Perché, secondo me, probabilmente non intenderà salvaguardarli tutti, gli esodati, non almeno in senso assoluto, ma quanto a ricavarci un voto, però, di prenderlo da tutti, ci prova eccome.

  13. GiorgioIV, completamente d’accordo con te. A quanto ha scritto Mario, aggiungerei che oltre ai piani abitati dagli esodati ( problema che in un paese normale neanche doveva essere creato) esistono i piani abitati da coloro che di punto in bianco ANCORA UNA VOLTA si sono visti spostare il traguardo della pensione di 4,5,6 anni .

  14. Siamo come i polli in “batteria” starnazziamo stranazziamo ma alle fine saremo carne per il “Pollo AIA” . Il bello che molti di noi illudendosi che questi DS possano risolvare la loro particolare situazione li voteranno. Poi una volta al governo con l’allealo MONTI faranno finta di proporre qualche cosa ma…con la scusa dell’ Europa ce la prendiamo nel culo.
    W Grillo almeno sfasciamo il sistema

  15. grillo apre a casapaund..l’ultima geniale trovata del milionario blac.blok a tempo perso……ma finiamola con i comici…….c’e ne sono giA’ TANTI al governo….

  16. Solo per puntualizzare, senza spirito polemico o di contraddizione: premesso che, per quanto mi riguardi, con quei 210 MILIARDI di evasione e corruzione, e con quei 530 di sommerso totali, non c’era nessun bisogno né della riforma delle pensioni e né di tasse e rincari vari, bisogna ricordare che quando si parla di esodati, si parla di persone già licenziate, e licenziate in età critica, visto che, alle precedenti condizioni, fruendo di cigs e mobilità, avrebbero maturato il requisito pensionistico! Persone licenziate ultra cinquantenni che vorreri Bersani mi spiegasse come dovrebbero riuscirci, a ricollocarsi al lavoro da qualche parte, con una disoccupazione giovanile al 37%!

    Però, e purtroppo, volendo dare una priorità alle questioni, una distinzione tra chi ha perso il lavoro in età critica, e chi no, forse bisognerà farla!
    Qualche giorno fa ho ricevuto un rimborso per una gita scolastica di mio figlio, alla quale non partecipò perché si ammalò Mi son recato, con l’assegno, presso la banca stabilita e lì, ho scoperto che, per ritirarlo, dovevo essere censito. L’impiegata addetta all’operazione, rilevando i miei dati, mi ha fatto notare come fossimo nati nello stesso anno! Poi, alla casa, caso ha voluto, ho ravvisato un mio vecchio compagno di scuola! Ed ecco le considerazioni che ho fatto: quei due dipendenti, verosimilmente, potrebbero riuscire a mandar giù la riforma delle pensioni Bersani-Fornero, almeno fin quando qualcuno non li dovesse licenziare! Facendo un lavoro di quelli, che tutto sommato si conosce da 30 anni, per cui è diventato piuttosto scontato, rouitinario, ed un lavoro anche, tutto sommato, ben retribuito, senza voler parlare per conto di altri, al limite, si potrebbe pure farlo, per 4, 5, 6 anni di più… anche se, con la riforma Bersani-Fornero, resterebbe sempre un sopruso: ma un licenziato, a quell’età, e non per sua negligenza, perché quando chiudono a catena fabbriche e aziende da centinaia o migliaia di posti, la responsabilità non è di un singolo soggetto, dove si dovrebbe andare a ricollocare?

    Per cui, riepilogando, fermo restando che la riforma Bersani-Fornero è una ruberia che va abrogata, dovendo dare una priorità ai problemi, alle questioni, non sarà il caso di mettere in prima fila i casi di lavoratori che han perso il lavoro, come gli esodati, e quelli che lo stanno perdendo e lo perderanno, in età critica?

    Non lo so, potrei anche sbagliarmi, ma ci potrebbe stare, questa cosa qui della priorità, oppure no?

  17. Ok ma chi credi che stia leggendo questo BLOG solo “polli” come noi il nostro “amico” Damianoi continua a dire stronzate ed a ridere e Bersani ha paura di dire qualche cosa di sinbistra perchè altrimenti la società civile (!!!!) reagisce ……. poi qualcuno mi deve spiegare se io sono una persona civile anche se non voto MOnti. Mi sembra che per essere civile bisognava lavorare, avere una Famiglia, mandare i figli a scuola pagare le tasse…. VF a tutti voto GRILLO e spacco tutto

  18. SI RIFORMA CON GRADUALITA’ . Non si puo essere penalizzati per sole 4 settimane ( a gennaio 2012 havevo 40 anni di contributi e 60 di età) con l’aggiunta di ulteriori 2 anni e 7 mesi( l’aspettativa di vita!!!) . Capisco un sacrificio ma ora che ho 61 anni e 41 di contributi sono ancora nella condizione di non poter accedere alla quiescienza: Ripristinate con una forma accettabile l’uscita per anzianità dal lavoro con una moratoria. basta con questio sciempio. Un chiaro impegno prima del voto e smettetela di parlare solo di esodati . di cassa integrati ecc , tutti coloro che hanno maturato diritti quali 60 o 61 di eta e 40-41 anni di contributi devono poter accedere alla pensione. GRADUALITA’ e fine di una mostruosa riforma pensionistica.Sapete benissimo che il resto vien da se con una generazione di persone che trova lavoro a 25- 26 anni che aggiungendo 40 anni di contributi porterà l’età per uscire dal lavoro a 65-66 anni.

  19. Finalmente ci siamo , al punto 18 viene espressa chiaramente la volontà di abrogare la Riforma delle Pensioni della Fornero : concentriamo i ns. voti verso “Rivoluzione Civile” !!

    PROGRAMMA “RIVOLUZIONE CIVILE INGROIA”

    1) no al fiscal compact Ue;
    2) abbattere il tasso di interesse sul debito pubblico;
    3) una nuova politica antimafia;
    … 4) contrastare l’omofobia e riconoscere i diritti civili;
    5) contrastare il razzismo;
    6) cittadinanza per tutti i nati in Italia;
    7) stop al precariato;
    ripristino dell’articolo 18 dello statuto dei lavoratori;
    9) detassazione delle tredicesime;
    10) reddito minimo per i disoccupati;
    11) premiare le imprese che investono in ricerca e creano occupazione a tempo indeterminato;
    12) archiviare progetti come la Tav in Val di Susa e il ponte di Messina;
    13) impedire la privatizzazione dei beni comuni a partire dall’acqua.
    14) valorizzare l’agricoltura di qualità libera da Ogm;
    15) eliminare l’Imu sulla prima casa ed estenderla agli immobili commerciali della Chiesa e delle fondazioni bancarie;
    16) istituire una patrimoniale sulle grandi ricchezze, colpire l’evasione e alleggerire la pressione fiscale nei confronti dei redditi medio-bassi;
    17) tetto massimo per le pensioni d’oro;
    18) abrogare la controriforma pensionistica della Fornero;
    19) una legge sul conflitto di interessi;
    20) libero accesso a internet;
    21) ritiro delle truppe italiane impegnate nei teatri di guerra;
    22) taglio delle spese militari a partire dall’acquisto dei caccia bombardieri F-35;
    23) limite di due mandati per parlamentari e consiglieri regionali

  20. Son completamente d’accordo con Franco. Almeno Avremo votato per il nuovo .
    Grazie

    votate per RIVOLUZIONE CIVILE INGROIA

  21. NON SONO ESODATO……….
    SENZA PENSIONE PER SOLE 12 SETTIMANE , SENZA SOSTEGNO AL REDDITO, NE LAVORO NE PENSIONE….
    DARO’ IL VOTO A CHI MI POTRA’ TUTELARE MODIIFICANDO LA LEGGE FORNERO. IL PD SARA’ IN GRADO DI GARANTIRLO?????????

  22. siamo degli illusi….il Pd è colluso con questo sistema…il PD ha votato a okki chiusi questa riforma delle pensioni, il PD ha votato a okki chiusi per far pagare l’IMU ai ceti meno abienti,qualcuno spera che torneranno indietro??? qualcuno ha visto il programma dettagliato del Pd su pensioni, lavoro, ecc…??? solo vane parole e intenti generici… solite cose da campagna elettorale…non cambieranno nulla, anzi, io temo che aggraveranno la situazione per lavoratori e pensionati…ci vogliono forze nuove, nuove persone , nuove idee , altrimenti non ne usciamo….

  23. Non sono d’accordo per niente con il punto 15 del programma di Ingroia (eliminare l’IMU sulla prima casa). Ma siamo matti?
    Primo: esiste in tutta Europa: tutti scemi i ciittadini degli altri Paesi? Secondo: quest’imposta serve ai comuni per finanziare i servizi offerti essenzialmente ai residenti e non vedo perché chi possiede e risiede in immobili di 150 o 200 mq ( e con ogni probabilità dispone di un reddito consistente) debba essere esentato dal contribuire al pagamento dei servizi locali e debba farseli pagare dai non residenti, magari solo perchè questi ultimi hanno una seconda casa in quel comune, abitata occasionalmente, e un reddito spesso inferiore. E’ così difficile immaginare di eliminare la distinzione tra prima e seconda casa, anche per evitare la tipica furbata all’italiana (nella mancanza incomprensibile di controlli da parte di molti enti locali, che preferiscono aumentare al massimo le aliquote) di intestare anche le seconde case a parenti e affini con residenze fittizie, ed esentare invece i primi 100 mq posseduti complessivamente da chiunque, applicando un’imposta (ragionevole) sulla parte eccedente, legando poi le aliquote al reddito di ciascuno.
    Come peraltro prevederebbe la Costituzione…se no trattasi di una patrimoniale bella e buona anche sui ceti medio-bassi, così come sarà la prossima Tares, slegata da chi produce effettivamente i rifuti e dall’utilizzo occasionale dell’immobile, ma collegata solo ai mq dello stesso.

  24. Leggo che , nonostante l’evidenza , c’è ancora chi ha fiducia che Damiano e il PD , dichiarino di voler rivedere la Riforma Fornero in tutte quelle forme che hanno gettato nella più tetra preoccupazione centinaia di migliaia di persone , di milioni di persone se si considerano anche i familiari . La fede è nemica della ragione !! Ma non vi bastano le reiterate dichiarazioni di Bersani pro-Monti ??!! Non perde l’occasione per sottolineare che dopo le elezioni ricercherà un accordo con chi ha portato l’Italia del dopoguerra ed i suoi cittadini , nella situazione economica e sociale peggiore che si ricordi : roba da far rimpiangere Berlusconi !! Ora la Fornero si è levata dai coglioni , e non possiamo far nulla per farle pagare le pene che ci sta facendo provare . Spero , se esiste Dio , che sia Lui a castigarla nel modo più doloroso ed immediato…..
    Però il segnale della ns. “riconoscenza” possiamo mandarlo a Bersani e al PD , (il PDL e l’UDC non gli ho mai nemmeno presi in considerazione): responsabili di aver votato senza se e senza ma , tutti i provvedimenti del Governo delinquenziale di Monti . Vi dico , non pensateci nemmeno a votare per il PD , ci fregherebbe di nuovo , senza alcun dubbio . Al momento gli unici ad aver inserito chiaramente nel loro programma la volontà di abrogare la Riforma delle Pensioni della Fornero , sono quelli di “Rivoluzione Civile” . Se poi andate a leggervi tutti i 23 punti del loro programma , sfido chiunque a dire che n’è uno solo non condivisibile…….

  25. Almeno il punto 15 (nella prima parte)non è condivisibile (leggi, se ne hai voglia, il commento precedente, subito prima del tuo).

  26. On. Damiano,
    accorgimenti semplici come quello di considerare la data di maturazione del diritto anziche’ la data di erogazione della pensione avrebbero salvato una grossa fetta della platea di esodati.
    Quelli con attesa di 15 o 21 mesi come facevano a rientrare nel 2014?

    Tutti i paletti messi dalla Fornero hanno avuto lo scopo non di salvaguardare diritti ma sfrondare la platea .
    Quest’ultima e’ la parte piu’ consistente……e dopo un anno e’ ancora
    in balia degli algoritmi anziche’ del diritto.

  27. On. Damiano,
    siamo contenti per chi si e’ salvato, ma voi avete idea di come si sentano tutti gli altri che vedono estrarre a sorte una fetta di eletti e vedono loro stessi rigettati nel calderone dei rovinati senza un ragionevole motivo?
    Questi ultimi non sono piu’ fessi degli altri 130000 ma sono solo sempre piu’ incazzati.

  28. @enzo… Cosa sta dicendo, si sta sbagliando di molto quando dice che i giovani trovano lavoro a 26 anni e quindi con 40 anni di contributi andranno in pensione a 66. La realta’ chiarissima, hanno colpito la generazione dei 50enni e forse dei 45enni ma gia’ i 40enni e 30 enni nella stragrande maggioranza dei casi non avranno MAI continuita’ di contribuzione di 40 con i lavori a tempo determinato che c’e’ gia’ da molti anni e per fare la contribuzione dei 40 dovranno superare certamente i 70anni ed e’ per questo che la fornero, monti e il traditore bersani sono degli assassini perche’ distruggono SOLO una generazione che aveva spinto sempre e portato al paese ricchezza. Purtroppo per i 20/30 e molti 40enni il raggiungimento dei 40 anni di contribuzione non ci sara’ mai o per i piu’ fortunati che vivranno saranno sopra i 70anni per questo sono degli assassini napolitano compreso. Mai il voto a degli assassini come le tre sorelle pdl-monti e pd.

  29. @enzo,
    nel caso in quest’anno le fosse sfuggito gli esodati sono usciti dal lavoro come prepensionamento ma si sono trovati, per la riforma Fornero, senza pensione e ovviamente senza lavoro, che e’ diverso di lavorare ancora due anni in piu’ per quanto grave sia…
    il resto glie lo ha spiegato Michele…

  30. E poi perchè salvaguardare fino al 2014, quando vi sono esodati, mobilitati espulsi dalle aziende entro dicembre 2011, che il requisito lo maturano oltre quella data, nel 2015/2016/2017/2018/, questi avendo gli stessi diritti, cosa gli direte, ci siamo sbagliati, ma non ci sono i soldi per tutelare tutti, quindi arrangiatevi. fate i barboni, andate a rubare,e se nò datevi fuoco, o impiccatevi, tanto succede ancora tutti i giorni, ma non facendo più notizia ,i giornali men che meno lo scrivono più. Basta supplicare il p.d. per una riscrizione della riforma delle pensioni, perdiamo solo tempo, volete un consiglio? Scriviamo su tutti i blog che RIVOLUZIONE CIVILE, AL PUNTO 18 DEL SUO PROGRAMMA A MESSO L’ABROGAZIONE DELLA RIFORMA DELLE PENSIONI E SONO GLI UNICI CHE LO HANNO FATTO, QUINDI ASSOLUTAMENTE, MERITANO IL VOTO DI TUTTI NOI. FORZA INIZIAMO QUESTA BATTAGLIA INFORMATIVA, VISTO CHE LA RIFORMA CHE DIR SI VOGLIA , NON LA ACCETTEREMO MAI, MAI E POI MAI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  31. Ma come si fa a immaginare che RC raggiunga la maggioranza e possa, eventualmente, mettere in atto il suo programma? Cerchiamo di essere seri e realisti. O si riesce a convincere il principale partito della sinistra (o del centro-sinistra) a rimettere mano alla riforma Froenro (Damiano, datti da fare…) oppure sono tutte illusioni. Come al solito, si disperderanno i voti con il risultato che al Senato nessuno avrà la maggioranza dei seggi, si farà un governo di coalizione centro-sinistra+Monti e della riforma delle pensioni non si parlerà più. E’ realisticamente possibile uno scenario diverso? Qualcuno si illude forse che la piazza riuscirà a farla modificare? L’unica possibilità, per quanto condizione di per sé non sufficiente, è che non ci sia bisogno di alleanze spurie con il centro. Possibile che non si studi un po’ meglio come funziona la legge elettorale al Senato? Possibile consgenare così Lombardia, Veneto e forse Campania al centro-destra? Liberi tutti di votare chi si vuole e di non volersi turare il naso, ma imparare qualcosa dalle precedenti esperienze , no, vero?

  32. SI PARLA SOLO DI ESODATI: I DISOCCUPATI 58ENNI E 39ANNI DI CONTRIBUTI VERSATI ,SENZA LAVORO,SENZA,DISOCCUPAZIONE,SENZA MOBILITA E NE CASSANTEGRAZIONE. STATE SOLO INFINOCCHIANDO LA GENTE PER FAR CASSA DI VOTI ;ECCO PERCHE NON VADO A VOTARE.

  33. DITEMI VOI SE NON E UNA PRESA PER IL C….! BERSANI ORA PARLA DI RIVEDERE LE PENSIONI,ED IMU; MA SE A VOTATO ANCHE LUI A FAVORE DELLE LEGGI MONTI FORNERO SENZA ALCUNA EQUITà ,MA CI RENDIAMO CONTO CHE QUESTE LEGGI SU LAVORO E TASSE VARIE ANNO ROVINATO SIA IMPRESE E CITTADINI,CI RENDIAMO CONTO DI QUELLO CHE SUCCEDE NELLE PROVICE, NEI COMUNI NELLE REGIONI, MI RIFERISCO ANCHE AGLI SCANDALI CHE O LETTO SUI GIORNALI. ALLORA E VERO CHE SOTTO LE ELEZIONI CI SONO COVI DI BUGIARDI.
    CARO DAMIANO PERCHE NON MI DAI UNA RISPOSTA A TUTTO QUESTO ANCHE PER CAPIRE COSA VOLETE FARE PER IL FOTURO IN CASO DI VITTORIA DI CUI NE DUBITO.

  34. Si dovrebbe fare un minimo di chiarezza su tutto il tema degli esodati e dei pensionati in generale, ponendo un tetto alle pensioni e ricavando le risorse per dare una dignità di vita a chi ha perso il lavoro e a 58 anni non riesce a ricollocorsi. Diamo la possibilità a queste persone di optare almeno per ricevere subito una pensione colcolata con il metodo contributivo come esiste per le donne. in questo modo si continua a creare sempre maggior disparità di trattamento creando una giungla di regole. Grazie

  35. Ancora l’inps non ha ancora perfezionato le liste dei primi 65.000,quando lo farà ?

  36. Gent.le On. Damiano,
    sono convinta che il suo partito vincerà le elezioni ma questo comunque lascia l’incognita di che governo sarà possibile mettere in piedi. Io spero che ci siano delle posizioni decisamente più chiare sulla posizione che si vorrà prendere circa gli esodati. Per ora sento solo affermazioni generiche e forse anche un po’ contradditorie. Ci hanno detto che non c’è copertura finanziaria per risolvere il problema ma questo è semplicemente inaccettabile. Governare tagliando sui più deboli è molto facile, è come se io dicessi ai miei figli: ragazzi, da oggi non si mangia più così risaniamo i debiti della famiglia. So che lei ha introdotto le quote e le chiedo di continuare a insistere perchè vengano riconosciute almeno a quanti, in buona fede e con tutti i crismi, hanno firmato un accordo dopo tanti e tanti anni di lavoro. Grazie.

  37. Ridate a tutti quei cittadini maltrattati dalla riforma pensionistica, la speranza di una vita normale (anche se forse non sarà piu’ la stessa)’. Per tanti di noi la depressione ha ormai preso il posto della serenità, avete creato decine di cittadini pieni di astio e difficilmente riuscirete a farvi votare. Aspetto dal PD una posizione chiara altrimenti guarderò al programma di Rivoluzione Civile condivisibile in tutti i suoi punti.

  38. a Riforma Fornero Sulle Pensioni E’ Stata La Legge Più Sbagliata Del Governo Monti
    Che E’ Andata A Colpire Lavoratori Anziani Prossimi Alla Pensione ed Esodati Ecc..
    Io Sono Del 1952 Dovevo Andare A Maggio 2012 Con 60 Anni Di Età e 36 Anni e 4 Mesi Di Contributi.
    La Riforma Fornero Me La Ha Spostata A Maggio 2016 (Perché Tutelato Secondo Loro Essendo Del 1952 A 4 Mesi Dalla Pensione)
    Ma Invece Non E’ Cosi
    L’Inps Il 3/10/2012 Ha Emesso Una Circolare Interna Che Prevede L’aspettativa Di vita (Io La Chiamerei Aspettativa Di Morte Aspettano che Uno Muoia per Non Pagarla più)
    Scatta Ogni 2 Anni Di 3 Mesi Con Una Decurtazione Sulla Pensione Del 4% E Questo Fine Al 2019. Per Cui Se Tutto Va Bene Dovrei Andare In pensione A Novembre 2016 Con L’8% In Meno Sulla Pensione Circa 100,00.
    E’ Questo vuol Significare Essere Tutelati????
    Io Al 31/12/95 Avevo Venti anni Di Contributi Per cui In Regola Per andare Con Il sistema Retributivo.
    Cambiano le carte In Tavola In Coro D’opera …E’ Stata La Cosa Più SCHIFOSA !!Che Si Potessero Inventare E Il Pd Che Dovrebbe Tutelare I Lavoratori La ha Firmata E Non Solo
    Ma 94 Deputati Del Pd hanno Firmato Contro La Legge Che Prevedeva la riduzione Delle Pensioni D’oro E’
    Questa E’ Giustizia???…E Nel programma Politico Non Fa Nessun Accenno A Voler Modificare La Legge E Parlano Solo Di Salvaguardare Gli Esodati.
    Ma Tra Gli Esodati C’erano Anche Lavoratori Del 1952 ,1953, 1954, 1955, 1956, 1957,
    Per Arrivare Al 2018 Solo sono stati Contattati Dalla Loro azienda Per Andare In Pensione Con Incentivo Ed Adesso Dovrebbero Andare Prima Perché Giustamente Sono senza Copertura Questo non E’ Giusto E Vi Spiego perché.
    Nel 2010 Avevo Chiesto alla mia azienda Di Uscire Come Esodato Non mi hanno proprio Filato Sebbene Altri Del 1952 Erano strati Accontentati…(Clientelismo…)
    Tutto Questo Non E’ Giusto Non Si Può Sanare La Riforma Fornero Salvaguardando solo gli Esodati E Fregandosene Degli Altri.
    La Vera Soluzione Era Ripristinare L’uscita Progressiva Fino Al 2018.
    Anche Se ormai Con 2 Anni Di ritardo e cioé prevedendo l’uscita:
    per quelli del (1952 Nel 2014)-(1953 Nel 2015)-(1954 Nel 2016)-(1955 Nel 2017 )
    E Ci Si ricongiungeva alla Legge Fornero Del 2018.
    In Questo modo Si Risolveva Il Problema Di Tutti Gli Esodati E Di Tutti I lavoratori Prossimi Alla pensione Con identici Requisiti Di Pensionamento Senza Fare Ingiustizie E Senza aggravio Di Denaro Abolendo Anche per Queste Fasce L’aspettativa Di Vita E La Decurtazione Del 4% Ogni 2 Anni.
    Questo Sarebbe L’unico Vero Modo per Samare Il problema In Tutta la Sua Completezza Senza Fare altri Pasticci Bastano E Avanzano Quelli Che Ha Fatto La Fornero
    E Se Foste Uomini Politici Onesti Intellettivamente E Non Degli ipocriti Che pensano Solo Alle Loro Poltrone E Non Hai Problemi Veri Che Riguardano Una Fascia Più Debole Lo Attuerebbero E Lo inserirebbero Nel programma Politico Cosa Che Invece Non Hanno Fatto.
    Questa E’ La Verità..E Siete Ancora In Tempo per Attuarlo Per Fare Giustizia Nei confronti Di Una Classe Lavoratrice Che Ha lavorato onestamente per anni Pagando Sempre le Tasse perché trattenute sulle buste paga e contribuendo al benessere di questa Nazione Italiana invece di essere trattati peggio di delinquenti calpestando i loro diritti acquisiti .
    Pensateci Onorevoli e Debutati E La Vostra coscienza Che Entra In gioco Non Il vostro Pensiero Perché O Si Opera Per Il bene Sociale
    O per Il male Fregandosene Degli Altri. pensateci!!!!

    E per concludere la fornero l’ultima cosa che ha fatto ha portato le pensioni delle donne nate nel 1952 al 2014. Pur rispettano il valore delle donne ma non c’è la parita di diritti perchè le donne vanno nel 2014 e gli uomini nel 2016????

  39. Rattrista davvero leggere tutte le lettere!!!! Si continua giustamente a proporre soluzioni, o, meglio, a riflettere sul fatto che, a proposito delle pensioni, avrebbero potuto fare così… e così… e così ancora. Eppure, non siamo così ingenui da credere che coloro che hanno messo in piedi le riforme e coloro che le hanno approvate non sapessero quello che facevano…!!! Tutto programmato,signori che mi leggete! Siamo stati ingenui invece quando abbiamo fatto accordi affidando i nostri soldi a un potere più forte di noi che ha potuto e può rinnegare i patti coi cittadini in ogni momento. Senza entrare nel dettaglio di una riforma delle pensioni così iniqua, accenno solo al metodo del tutto ortodosso, non privo di una concezione classista, pedagogica che dall’alto pretende di dirigere e trattare i cittadini da sudditi. Perché in che maniera si può definire altrimenti una situazione in cui viene meno quel criterio tale da assicurare la reciprocità degli obblighi che si assumono attraverso un contratto: nessuno può essere infatti tenuto a seguire le norme che questo introduce se non ha assicurazioni sufficienti che gli altri faranno altrettanto, perchè ciò significherebbe semplicemente mettersi a loro discrezione (Dai classici del pensiero libero). I Bocconiani dovrebbero studiarli. E la sinistra, Marx: l’uomo che non possiede altra proprietà che la sua forza-lavoro,non può non essere lo schiavo degli altri uomini che si sono resi proprietari. E allora, le lotte giuste e le conquiste legittime sono andate a finire in mano alla finanza e al cuore metallico dell’economia. C’è un’altra cosa che rattrista dalla lettura dei messaggi!!! Siamo caduti da tempo nel tranello della guerra tra poveri. ” Io sì… tu no… e via via”. Dovevamo mostrarci all’altezza di saper resistere contro le traversie, non offendendoci gli uni con gli altri. Noi Italiani dobbiamo ancora crescere. Non riusciamo mai ad esprimere, col nostro voto, e con noi stessi, una politica della realtà, una politica che non sia una volta quella dei ricchi, un’altra volta quella d’una classe di professori, ecc. ecc. Ma noi, chi siamo?! Ce lo siamo mai chiesti veramente? Quei sudditi che vorrebbero? No! Se vogliamo, possiamo dare vita a un mondo diverso. Dobbiamo continuare a credere e sperare. Nessuno ci salva, se non noi stessi. Un augurio forte per un anno migliore.
    Alba

  40. LA REALTA E’ UNA AL DILA DELE PAROLE MONTI E LA FORNERO HANNO APPROVATO LA RIFORMA PENSIONI SENZA ALCUN CRITERIO FACENDO UN DANNO ALLA FASCIA LAVORATRICE PIU’ DEBOLE. E ILPD HA APPOGGIATO QUESTO GOVERNO RATIFICANDO LA RIFORMA E QUESTO E QUANTO E NON CENTRA NIENTE NE IL PENSIERO DI MARX HANNO APPOGIATO UN GOVERNO CHE HA FATTO SOLO LEGGI INIQUE MA QUELLO CHE E’ PIU’ GRAVE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI RIMEDIARE FREGANDOSENE DI CHI NON CE LA FA A VIVERE..”ASPETTTIVA DI VITA TANTO DEVE MORIRE” C’E UNA LEGGE SUPERIRORE LE COSE RITORNANO A CHI LE FA…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...