Lavoro: dare ascolto ad allarme CGIL su precari e cig

Lavoro_Giovani_CodaR400L’allarme della Cgil sui precari va ascoltato. Il rischio di interruzione del lavoro alle prossime scadenze dei contratti temporanei è reale. Si tratta di mezzo milione di persone in difficoltà. A questo si aggiunge il problema che, al prolungamento della crisi, corrisponde la crescita della cassa integrazione che arriverà ad un miliardo e cento milioni di ore autorizzate alla fine del 2012. Il nuovo Governo dovrà avere come punti fondamentali della sua azione la correzione delle riforme delle pensioni e del mercato del lavoro per evitare una crescita della disoccupazione.

Annunci

Una Risposta

  1. “Esternazione accademica o macelleria sociale” http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2765838.html
    [Rif. articolo sulla PA di Linda Lanzillotta su “Europa”]
    Analisi sostanzialmente valida, ma troppo vaga e parziale e – ad essere maliziosi – manchevole in un punto: l’aumento abnorme delle retribuzioni dei dirigenti pubblici, dopo la legge Bassanini. E che, soprattutto, non indica la scansione necessaria dei provvedimenti. Messo al sicuro l’equilibrio ottimale (ormai l’Italia è benchmark in UE) della spesa pensionistica con la riforma (l’ottava dal 1992) Fornero, [1] le misure devono seguire i seguenti passaggi secondo logica ed equità: 1) approntamento di un sistema di ammortizzatori sociali universale; [2] 2) finanziato con l’introduzione di un’imposta patrimoniale sulla ricchezza al di sopra di una certa soglia [3]; 3) varo di un prestito forzoso su una platea selezionata per la riduzione celere del debito pubblico; 4) solo a questo punto, riduzione del numero e dell’ampiezza della PA (in senso lato), qualificandola e migliorandone le performance. [4]
    Altrimenti delle due l’una: o è la solita esternazione accademica improduttiva di effetti concreti o è l’ennesima macelleria sociale a danno dei soliti.

    Post Scriptum:
    Sistema di ammortizzatori sociali universale:
    TRE MISURE ANTI-CRISI INDISPENSABILI
    La crisi epocale in atto sarà dura e lunga almeno 15 anni. Occorrono TRE MISURE INDISPENSABILI: 1) un reddito minimo garantito (Rmg) o reddito di cittadinanza, opportunamente disciplinato (com’è in tutti gli altri Paesi UE, tranne Grecia e Ungheria) di 2 livelli: uno di 1° livello, poniamo, di 300 € per quelli che non hanno contributi versati negli ultimi 2 anni, ed uno di 2° livello, poniamo di 500 € per gli altri che invece li hanno versati; 2) una casa ad affitto sociale (vale a dire 100-150 € al mese), attraverso un piano corposo pluriennale di alloggi pubblici di qualità, almeno 25.000 all’anno – negli ultimi 20 anni si sono costruiti, a causa del predominio degli immobiliaristi e dei costruttori, 1/10 di alloggi pubblici rispetto agli altri Paesi europei più evoluti; e 3) l’obbligo ai datori di lavoro di pagare un precario di più di quello stabile (i precari sono almeno 4 milioni, 7 milioni se includiamo le partite IVA più o meno fasulle, oltre ai familiari, quindi in totale oltre 10 milioni di persone coinvolte direttamente o indirettamente), così uno riuscirebbe almeno a sopravvivere, si potrebbe sottrarre al ricatto di un lavoro purchessia pagato poco o punto e sarebbe un po’ più sereno, anziché sovrastato da un sentimento di spada di Damocle di SELEZIONE NATURALE DARWINIANA.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...